SACRO E PROFANO: LA POTENZA DELLE TRADIZIONI. Le Tradizioni del Venerdì Santo a Sarno

LE FOTOGRAFIE DI MICHELA PAPPACENA

Una fotografia sa raccontare più di mille parole.

Quando è scattata con passione.

Quando sa cogliere le sfumature della vita.

Quando attraverso il chiaro-scuro dei colori dona forma ai sentimenti.

L’Associazione Fotografica Aperture ha organizzato una Mostra che parla di Storia, di Riti e di Miti ancestrali.

Scatti emozionali che ritraggono i momenti più emblematici delle Tradizioni del Venerdì Santo  nella Città di Sarno, in Provincia di Salerno.

Protagonisti assoluti, i Paputi: gli “incappucciati” che, dalle prime luci dell’alba, percorrono le strade del centro storico, accompagnati da struggenti ed antichissimi canti.

Alcuni scatti sono di forte impatto: emblematica è la partecipazione dell’intera Comunità che vive la Santa Pasqua con grande fede.

Le fotografie esposte sono di: Pompeo Annunziata, Rosario De Vivo, Claudia Prisco, Michela Pappacena e Giuseppe Ferrentino.

 

La mostra è visitabile gratuitamente fino al 23 Marzo 2016 presso il Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno;
dal 24 al 31 Marzo 2016 presso la Chiesa di San Francesco d’Assisi, sita in Piazza IV NovembreaSarno (SA).

 

ECCO ALCUNI MERAVIGLIOSI SCATTI DI MICHELA PAPPACENA

La Croce stretta e tenuta verso il basso, quasi a voler evidenziare ancora di più il legame tra terreno ed ultraterreno. La Croce si illumina di rosso perchè la tunica l’avvolge con il calore delle sfumature dell’immagine. Un legame d’amore, un legame di fede.

MichelaPappacena

Il bianco dei Paputi si confonde con la luce accecante del sole: il loro brillare diventa tutt’uno, in un lento incedere verso la Storia.

MichelaPappacena2

Uno sguardo dritto al cuore di chi guarda, come il canto delle tradizioni che ha il sapore del rosso della Fede.  Un dettaglio questo della fotografia che catalizza l’attenzione, ti entra nella mente e rimane nei ricordi.

MichelaPappacena4

La testa un pò china del Paputo sembra rendere ancora più pesante la Croce, sottolineando il netto distacco cromatico tra gli elementi bianchi e quelli neri dell’immagine.

MichelaPappacena3

I colori forti della fotografia rendono immortale l’immagine: la croce in primo piano reca dipinte le ferite di Gesù. I cappucci rossi si amalgamano alla perfezione con le sfumature seppia delle sfondo sfocato. 

MichelaPappacena5

Il colletto della camicia, i buchi per guardare asimmetrici: piccoli indizi di una grande verità. Le tradizioni nascono in casa e “sentirle” significa toccarle con mano e farle proprie fino in fondo…

MichelaPappacena52

Seguire la Croce che segna il cammino…

MichelaPappacena53

I guanti e la croce sulle spalle. Il bianco della speranza, il nero della sopportazione.

MichelaPappacena55

 I raggi del sole illuminano la Croce. Colori vivi e la prospettiva che ritrae il Paputo di profilo trasformano la foto quasi in un dipinto.MichelaPappacena56

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Viridiana Myriam Salerno, laureata in Giurisprudenza presso l'Università "Federico II" di Napoli, è Giornalista Professionista (iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti, Ordine della Campania, dal 2009). E' anche Avvocato. E’ Direttore Responsabile della Rivista-Web “MediaVox Magazine”, da novembre 2015; è stata Direttore Responsabile de "Il Nadìr.net", dal 2012 al 2015; collabora con i periodici "Eventi" e “Lyceum” e con la rivista nazionale "Albatros Magazine". Per alcune iniziative, ha, inoltre, collaborato con l’emittente radiofonica “Radio Punto Nuovo”. I suoi scritti sono pubblicati in numerosi libri, editi da importanti Case editrici. Si occupa del coordinamento di Uffici-Stampa e dell’organizzazione di eventi culturali; ad esempio, è nello Staff organizzativo del Festival internazionale di Cinema “Italian Movie Award” dalla I Edizione . E’ stata accreditata a rilevanti eventi nazionali ed internazionali, come il Festival di Sanremo, il Taormina Film Fest e l'Ischia Film Festival (entrando nello Staff Stampa di quest'ultimo nel 2016).