STEFANO ANTONUCCI: L’INTERVISTA

Una chiacchierata con i protagonisti di "Una fidanzata per papà": la Commedia brillante in scena al Teatro Tirso de Molina a Roma che sta riscuotendo grande successo

SANDRA MILO, ANGELA MELILLO, SAVINO ZABA, STEFANO ANTONUCCI, VALENTINA PAOLETTI, MORENO AMANTINI

in

UNA FIDANZATA PER PAPA’

La Commedia brillante – regia di PIERO MORICONI

dal 19 al 30 ottobre al Teatro Tirso de Molina a Roma

Nota sullo Spettacolo: “Una fidanzata per papà”  è una commedia che racconta la vita di Federico (Savino Zaba). Un ragazzo di buona famiglia, con il vizio del gioco d’azzardo, senza voglia di lavorare: egli passa il suo tempo sperperando i soldi di suo padre in bische clandestine, finché il padre, infuriato, con una telefonata, comunica a Federico che da quel momento in poi non gli darà più un centesimo. Federico, preso dalla disperazione, per calmare la situazione inventa due grandi bugie. In suo soccorso, chiama il brillante e divertente fratello Mario (Moreno Amantini), che a sua volta chiede aiuto a Lisa (Angela Melillo)… Un intreccio di personaggi e di storie che daranno vita ad una trama ricca di equivoci e giochi di ruolo… Simpaticissima la cameriera Agata (Valentina Paoletti), calabrese D.O.C., che odia la bionda Lisa. Divertentissimi i due zii (Sandra Milo e Stefano Antonucci), saggi ed amorevoli. Quando tutto sembra sistemato, Lisa sferra il suo colpo finale…

 

Risultati immagini per STEFANO AntonucciConosciamo meglio STEFANO ANTONUCCI…

Parlare con lui è ammaliante. Ti racconta del suo lavoro con passione e tanta simpatia. Un vero Maestro. Uomo umile, Artista di talento. Stefano Antonucci è uno dei punti cardini della recitazione italiana, anche all’Estero.

Attore versatile, ha interpretato ruoli che vanno dal sacerdote al poliziotto, passando poi dal barbiere al veterinario. Attivo nel cinema coi grandi del Cinema italiano (Massimo Boldi, Christian De Sica, Roberto Benigni, Diego Abatantuono, Paolo Villaggio), ha all’attivo più di 130 film di successo.

Appare in alcune Pubblicità Progresso sia dei vari Ministeri, delle Poste Italiane, qualche pubblicità per i prodotti italiani e qualche pubblicità di riviste. Avendo lavorato in Alitalia, parla correntemente inglese, tedesco e francese.

 

Sei impegnato in “Una fidanzata per papa”, commedia brillante…

“In questa splendida commedia, io sono lo zio, il consorte di Sandra Milo. Un lavoro teatrale eccellente, perché tratta con estrema attenzione temi di grande attualità con la sublime leggerezza della Commedia all’italiana. Vi invito a vederla perché sono sicuro vi piacerà.”

Come è il clima nella Compagnia?

“Divertentissimo. Siamo in ottima sintonia. Conoscevo Sandra Milo solo di fama; ma, appena ci siamo visti e abbiamo iniziato a provare insieme, viaggiavamo già all’unisono alla scoperta dei nostri personaggi, uniti dalla lunga esperienza in questo difficile mondo dello spettacolo.”

Quando hai deciso che avresti provato la dura strada della recitazione?

“Fin da bambino e non è una frase scontata: è la verità. Ho avuto la fortuna, poi, di debuttare e di lavorare con i più grandi e, man mano che acquisivo esperienza, amavo sempre di più il mio lavoro. Amavo studiare e migliorarmi, crescere e confrontarmi con i miei colleghi.”

Come sei riuscito ad ottenere tanta popolarità?

“Sicuramente grazie alle Tv private. La televisione ti permette di acquisire una popolarità immediata ed enorme che giova inevitabilmente anche dal punto di vista economico.”

E il Cinema?

“Mi ha regalato le grandi soddisfazioni. Ho girato più di 130 film. E vi assicuro che veramente sono tantissimi. Ho lavorato con i più grandi attori e registi, in tante commedie di successo, ma anche in grandissime produzioni internazionali. Mi ritengo, tra i miei colleghi,  uno dei pochi fortunati, perché nel mondo dello spettacolo è difficilissimo lavorare con continuità, per tanti anni in tanti progetti. Di ogni film, conservo ricordi splendidi e tanti aneddoti unici che adoro condividere con amici e familiari.”

Tra i tantissimi ruoli interpretati nei film, c’è uno che, di getto, ti è rimasto più nel cuore?

“Forse quello nel film in costume su ‘Cleopatra’. Amo le produzioni in costume e vorrei si investisse di più in questo genere.”

Un consiglio ai tanti lettori giovani che leggono MediaVox Magazine e che vorrebbero intraprendere il tuo lavoro?

“Mio figlio recentemente mi è venuto a dire di voler fare l’attore. Io gli ho risposto: ‘Se hai sogni di gloria, ma sei disposto a rischiare di sentirti un fallito o un frustrato per tutta la vita, allora hai la stoffa per provare a diventare un attore’. Mio figlio ha accettato la sfida e, per mantenersi agli studi, sta lavorando come cameriere. Sono fiero di lui e di tutti i giovani che credono davvero nelle proprie passioni e lottano per realizzare i propri sogni con dedizione e con serietà. Studiate ed impegnatevi perché i sacrifici veri sono sempre ripagati.”

 

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook698Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Viridiana Myriam Salerno, laureata in Giurisprudenza presso l'Università "Federico II" di Napoli, è Avvocato, civilista e penalista, e Giornalista (iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti - Lista dei "Pubblicisti", Ordine della Campania, dal 2009). E’ Direttore Responsabile della Rivista-Web “MediaVox Magazine”, da novembre 2015; è stata Direttore Responsabile de "Il Nadìr.net", dal 2012 al 2015; collabora con i periodici "Eventi" e “Lyceum” e con la rivista nazionale "Albatros Magazine". Per alcune iniziative, ha, inoltre, collaborato con l’emittente radiofonica “Radio Punto Nuovo”. I suoi scritti sono pubblicati in numerosi libri, editi da importanti Case editrici. Si occupa del coordinamento di Uffici-Stampa e dell’organizzazione di eventi culturali; ad esempio, è nello Staff organizzativo del Festival internazionale di Cinema “Italian Movie Award” dalla I Edizione . E’ stata accreditata a rilevanti eventi nazionali ed internazionali, come il Festival di Sanremo, il Taormina Film Fest e l'Ischia Film Festival (entrando nello Staff Stampa di quest'ultimo nel 2016).