UN POSTO OCCUPATO

Grande successo per la Manifestazione contro la violenza sulle donne

Foto di Tina De Filippo

posto-3“Quel posto è mio, tornerò ad occuparlo! Per molte, troppe donne, non sarà più così…”: un messaggio forte per una tematica drammatica. E’ nato dall’esigenza di non tacere e di denunciare i troppi episodi
di terribile cronaca nera, l’Evento “Un posto occupato” che si è svolto a Sarno il 30 novembre 2016.

Un grido che non è solo parole ma è soprattutto fatti concreti.

Fortemente voluto soprattutto dalla Presidenza del Comune di Sarno e dalla Commissione Pari Opportunità di Sarno, l’iniziativa ha raccolto le importanti adesioni di tutti i Sindaci dei Comuni ambito S01-3, del Distretto sanitario n. 62, dell’Ordine degli Avvocati di Nocera Inferiore, delle Forze dell’Ordine, delle Commissioni Pari Opportunità e delle Associazioni dell’Agro.

Per la prima volta, nell’Aula consiliare di Sarno è stata posta una sedia rossa che rimarrà vuota, per ricordare gli innumerevoli ed ingiustificati atti di violenza. Una testimonianza di amore. Un simbolo di coraggio.

Durante la serata, si sono avvicendati relatori d’eccezione.

Dopo l’interessante video già proiettato durante il Sarno Film Festival, Maria Rosaria Aliberti, Presidente del Consiglio Comune di Sarno, ha introdotto e ha spiegato la ragione della Manifestazione.

Hanno, poi, portato i saluti istituzionali: Giuseppe Canfora, Presidente Provincia Salerno e Sindaco di Sarno; Franco Picarone, posto1Consigliere Regione Campania; Dea Squillante, Assessora Comune di Sarno; Vincenzo Salerno, Assessore Comune di Sarno; Vincenzo D’Amato, Direttore del Distretto sanitario n. 62; Michele Strianese, Sindaco di San Valentino Torio; Salvatore Bottone, Sindaco di Pagani; Colomba Farina, Vice-Sindaco di San Marzano sul Sarno.

Sono intervenuti: Rosarita Oro, Presidente Commissione Pari Opportunità Sarno; Anna Malinconico, Centro antiviolenza Sarno; Elisa Robustelli, Coordinamento Genitori democratici Sarno (Partner dell’Evento); Maria Rosaria Pellizzari, Università degli Studi di Salerno.

posto2Le conclusioni sono state affidate a Chiara Marciani, Assessora alle Pari Opportunità Regione Campania

Ha moderato: Viridiana Myriam Salerno, avvocato e giornalista.

L’attore e regista Antonio Izzo ha letto delle bellissime poesie. L’artista Carmela Milone ha realizzato la sedia rossa. Inoltre, in Piazza Municipio, è stata inaugurata una panchina rossa che ricorderà a tutti i passanti le donne che ingiustamente sono morte oppure hanno sofferto. Un applauso anche agli studenti dell’Istituto “Cuomo-Milone” per la splendida performance attoriale.

Davvero toccante la testimonianza di Filomena Lamberti dell’Associazione Spazio Donna. Una donna il cui volto è stato violato dall’ex marito. Un uomo che ha pensato di usare l’acido per cancellare una vita. Un uomo vile e violento lui; una donna forte ed eccezionale lei. Un racconto che fatto piangere e riflettere, che ha fatto rabbrividire ma al tempo stesso sperare. Una storia che trova nel calore della famiglia il suo unico happy-end: Filomena ora non è più solo amata dai suoi figli e dai suoi nipoti ma da chiunque ha la fortuna di conoscerla.

La Presidente del Consiglio comunale Maria Rosaria Aliberti ha affermato: “Una Manifestazione fortemente voluta per dire NO ALLA VIOLENZA, in linea con la Campagna di sensibilizzazione ‘POSTO OCCUPATO’. Una bella serata ricca di emozioni! Aula consiliare gremita, pubblico attento ed emozionato. Parterre di ospiti e relatori di alto profilo. Abbiamo voluto un ‘Posto Occupato’ per non dimenticare le tante, troppe donne assassinate. Una sedia vuota che rimarrà  nell’aula consiliare a ricordare a tutti noi  una assenza che avrebbe DOVUTO essere una presenza, un POSTO idealmente occupato da tutte le donne uccise. MA NON È SOLO QUESTO! Non siamo solo drappi rossi e panchine. Noi crediamo nella importanza della rete e stiamo lavorando per costruirla! Nel corso dell’evento abbiamo, ufficialmente, sottoscritto due Protocolli di Intesa importantissimi. Il primo con l’Osservatorio per le Pari Opportunità dell’Università di Salerno e il secondo con i Comuni del nostro Ambito, il Distretto Sanitario,  il Consiglio dell’Ordine degli avvocati del Tribunale dì Nocera Inferiore e le Forze dell’Ordine. Ma il risultato più importante, ritengo, siano le 5 borse lavoro destinate alle donne vittime di violenza. Da quest’anno, il Comune di Sarno assicura a 5 vittime di violenza e ai loro figli minori un sostegno per consentire loro di recuperare la propria autonomia e di riconquistare così la propria libertà, nel rispetto della riservatezza e dell’anonimato. Ma non ci fermeremo qua convinti come siamo che le forme assistenziali lasciano immodificati i problemi. Riteniamo che il compito delle istituzioni sia quello di aiutare chi ha subito violenza verso la riscoperta del proprio valore e della propria competenza per ritrovare così il desiderio di un nuovo progetto i vita. Ed è per questo che stiamo approntando Interventi finalizzati a favorire l’inclusione lavorativa delle vittime di violenza attraverso la realizzazione di percorsi lavorativi. L’intenzione è quella di lanciare una rete composta da imprese private, enti pubblici, associazioni, cooperative per avviare insieme il progetto.”

 

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Raffaele Di Matteo, dopo la Maturità classica, consegue la Laurea quadriennale in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Salerno, discutendo la Tesi in Istituzioni di Diritto Pubblico, dal titolo “Diritto dell’informazione radio-televisiva e nuove tecnologie”. Diventa Avvocato, penalista e civilista, specializzandosi nelle materie che interessano il diritto penale, tributario, di famiglia e di lavoro. Coltiva sempre la sua passione per la scrittura e per il giornalismo e tiene rubriche di diritto per vari periodici. Viene accreditato ad importanti ed internazionali Eventi come, ad esempio, il Festival di Sanremo, l'Ischia Film Festival, il Taormina Film Fest e l'Italian Movie Award. E' Presidente dell'Associazione culturale "Mediavox" dal 2012 e Direttore editoriale della Testata Web "MediaVox Magazine" dal 2015.