Gli Angeli sono tornati tra noi. Una sorprendente testimonianza 

Ciò che non è spiegabile con la ragione è forse ancor più interessante.

Gli Angeli, esseri eterei e fantasmatici, così assenti eppur così presenti, da qualche tempo fanno capolino tra le pieghe di questa nostra società meccanizzata e “modernizzata”, che ha dimenticato e rimosso la forza del Sacro, trasmutato sotto irriconoscibili forme. Ad esempio, sotto forma di una presenza benefica e salvatrice.

Vogliamo far conoscere ai lettori di MediaVox Magazine, in relazione alla credenza nell’azione degli Angeli, questa testimonianza orale, sorprendente e non spiegabile con gli strumenti della ragione, ma forse proprio per questo ancor più interessante.

Pioveva a dirotto – racconta A. E., commerciante, classe 1949, residente a San Valentino Torio, in provincia di Salernoe io dovevo recarmi in auto a far una visita ad un cliente. Ad un certo punto entrai in una delle stradine della Provinciale che collega Sarno a San Valentino. Procedevo lentamente: perciò potetti intravedere una donna anziana, che, senza ombrello, al bordo della strada mi faceva cenno di rallentare. Io mi fermai e lei salì a bordo lentamente, a causa, pensai, dell’età avanzata. Notai intanto che non stranamente non era bagnata. Per tutte queste operazioni passò quasi un minuto. Stavo per ripartire, quando, a una decina di metri, sfrecciò il treno della Circumvesuviana. Capii che si trattava di uno dei passaggi a livello incustoditi. Mi voltai per parlare con la signora che, facendomi perder tempo, mi aveva salvato la vita; ma non vidi più nessuno. Solo dopo seppi che, qualche tempo prima, una signora aveva perso la vita in quel posto, investita dal treno.”

Non è facile pronunciarsi sulla veridicità di questo racconto. Certo, su di esse potrebbero aver influito diversi fattori: ad esempio, il radicamento nell’inconscio personale e collettivo di racconti tramandati oralmente oppure le condizioni psico-fisiche di insorgenza nell’Io di “personalità seconde”, come suggerisce il grande antropologo Ernesto de Martino. Un dato importante potrebbe essere il prendere atto dell’esistenza nell’immaginario popolare della tesi, secondo cui i morti possono ritornare presso di noi. Ma anche questo non spiega del tutto questa notizia da noi raccolta. Non va esclusa, in linee generali, la presenza – in un insondabile territorio dell’Inconscio – di una speranza che sia possibile in un qualche modo, a noi sconosciuto, un contatto fra il nostro mondo e quello di coloro che non ci sono più o, meglio, non sono in carne ed ossa su questa Terra, ma vegliano su di noi.

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook625Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Laureato in Lettere classiche e in Sociologia, docente di Italiano e Latino al Liceo Classico di Sarno, giornalista pubblicista, ha insegnato “Linguaggio giornalistico” all’Università di Salerno. E’ autore, tra l’altro, di due storie della letteratura italiana e de “Il Labirinto e l’Ordine” (Commento integrale alla “Divina Commedia”), di testi teatrali e saggi sulle tradizioni popolari. Il suo manuale “Le tecniche della scrittura giornalistica” (Ed. Simone) è citato nella Bibliografia della voce della Enciclopedia Treccani “Giornalismo”, appendice VII – 2007. Ha scritto "La città che urla segreti", il thriller storico ambientato nella Napoli misteriosa (Guida Editori).