Peace of HeART / Intervista a Michele Falciani

L'Università popolare di Sarno apre le porte della sua Sede ad Eventi culturali di grande successo

L’ART POUR L’ART

L’Università popolare – Polo Formativo della Città di Sarno, diretta dal Dott. Nicola Troisi, ha ospitato un nuovo magico evento.

Arte e Cultura: Peace of HeART.

Venerdì 14 Luglio 2016, il Vernissage. Sabato 22 luglio 2016, il Finissage.

Protagonisti gli Artisti e le loro favolose opere, dipinte nel nome della Pace.

L’organizzazione della Mostra è stata curata da MediaVox Magazine. Coordinatore degli Artisti: Maestro Lorenzo Basile. Critico d’Arte: Dott.ssa Valentina Basile. Fotografie di Annalisa Vitolo. Hanno partecipato gli Studenti del Liceo “T.L.Caro” di Sarno.

Abbiamo intervistato l’Artista Michele Falciani

Conosciamolo meglio attraverso le sue risposte alle nostre domande:

Illustraci la tua opera: ispirazione, tematica e tecnica

Per la loro forma, per i colori tenui accentuati dal colore cupo dell’acqua, i fiori hanno da subito conquistato la mia attenzione. Gli acquerelli puri e pigmenti maimeri su carta fabriano mi hanno dato la possibilità di far dialogare le forme piene di colore con il bianco della tela, secondo l’antica tradizione italiana.

Come è nata la tua passione per l’arte?

Fin da piccolo ho preferito le linee e i colori alla parola detta e scritta.

Come nascono le tue opere d’arte?

Le mie opere nascono da emozioni e appunti di viaggio, che poi rielaboro quando sento che quello è il momento giusto.

Cose è per te l’arte?

E’ entrare in contatto con la mia essenza interiore e co-creare con lei per conoscermi e trasmettere le mie emozioni a chi sa osservare

Secondo te come si valuta un’opera d’arte?

Cercando di mettersi nell’anima dell’artista nell’attimo della creazione. Se un’opera ci cattura e riesce a comunicare emozioni , anche nel corso degli anni, si può identificare come un’opera d’arte.

Parlaci un po’ di te…

Ho lavorato in campo artistico cercando di sperimentare tutte le espressioni e tecniche grafiche così come quelle pittoriche. Poi ancora ho utilizzato tecniche plastiche e la lavorazione del legno e dell’acciaio . Talvolta anche qualche restauro. Attualmente da quasi dieci anni seguo e dirigo un gruppo di ceramica formato da pazienti con problemi mentali. Dal 2012 eseguo mandala. Ancora inediti e non pubblicati i 72 Angeli di Dio, con tecniche miste.

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Frequenta il liceo classico "T.L.Caro di Sarno". Una ragazza socievole e simpatica. Le piace scrivere, ma soprattutto leggere.