“E ADESSO: MUSICA, ARCHITETTO!”

2 dicembre 2017: l'appuntamento con ARCHSOUND COMPETITION, l'unico evento in cui gli architetti si sfidano a suon di musica!

ARCHSOUND COMPETITION / A promuoverlo è l’associazione NapoliCreativa, che si occupa della valorizzazione dell’identità urbana attraverso la connessione fra architettura e design sul territorio.

Se il primo appuntamento si è svolto con notevole successo, nella splendida cornice del Museo di Pietrarsa in Napoli, ad aprire le porte agli “archi-dj“, questa volta, saranno gli show room Arrichiello Ciro e ConsonniLab in via Piedigrotta a Napoli, dalle ore 19:00 in poi.

Foto tratta dal web

Incontro Grazia Torre, fondatrice dell’associazione, ideatrice e art director dell’evento e ovviamente architetto e subito le chiedo che connessione c’è fra Musica e Architettura?

C’è una forte connessione da sempre. Entrambe sono due forme di comunicazione mosse dagli stessi stimoli: armonia, equilibrio, proporzione, ritmo. Due espressioni di un unico modo di vedere il mondo: arte che si fonde con la tecnica, che abbraccia l’etica che sprigiona emozione.

A leggervi in questo modo, si fa fatica ad immaginarvi sui cantieri a combatter con le imprese edili o sui comuni a stare dietro alle mille pratiche di concessioni edilizie…

Ahahah si, fortunatamente, prima di “scendere in campo” c’e’ la fase di creazione e progettazione, quella in cui ci si lascia volentieri trasportare dalle idee e dalla musica del nostro pc.

Stiamo vivendo un periodo in cui gli architetti non hanno una vita così facile, non è che stai distraendo la specie dallo sconforto, offrendogli un’alternativa più frivola ma altrettanto creativa? (Ovviamente la mia è una domanda assolutamente ironica. Sorridiamo).

Certo la categoria sta vivendo momenti di criticità molto forti, ma questo vuole essere un momento di divertimento e soprattutto di aggregazione. Confrontarsi in un contesto più informale e disinibito, non può che portare e me lo auguro, nuove idee e forme di collaborazione. In gara ci sono studi più noti e altri meno noti, architetti giovani e meno giovani, il loro incontro non può che significare un’occasione di crescita.

La musica accomuna generi, razze, categorie, immagino che a partecipare non sia solo un pubblico di settore…

Ovviamente no. L’evento è aperto a tutti e tutti sono invitati a votare il proprio studio preferito.

Come si svolge la gara?

Proprio come una gara fra veri Dj. Ogni studio presenterà una play list di dieci brani che avrà accuratamente selezionato secondo il gusto personale. L’evento è condiviso sulla pagina Napolicreativa, ed è possibile ascoltare le creazioni già da diversi giorni, collegandosi a Spotify. Al pubblico presente, sarà richiesto di visitare la pagina dell’associazione e di cliccare un semplice like sotto il nome dei brani che avranno ascoltato dal vivo.

A questo punto non mi resta che complimentarmi con te per quest’iniziativa, correre a dare il mio voto e augurare Buona Musica a tutti gli architetti in gara!

 

Ecco i nomi degli Architetti che si sfideranno a suon di Musica

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook625Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Si laurea in Sociologia presso l'Università Federico II di Napoli. I suoi maggiori interessi sono cinema e scrittura. Muove i primi passi con la Film Commission Regione Campania; consegue corsi di editoria e scrive per alcuni periodici. Dal 2009, si occupa di amministrazione, collaborando ad importanti progetti cinematografici come "La grande Bellezza" di Paolo Sorrentino, “Falchi” di Tony D'Angelo, oppure alla serie tv “Gomorra 2”. Segue il corso di sceneggiatura di M.Fiume, "Come si scrive un film ". Nel 2015 pubblica un soggetto cinematografico nella raccolta "Rosso e Nero Perfetto" (Iuppiter edizioni).