“Il Lamento è dei perdenti”

Una storia di dolore e di amore che ha bisogno di solidarietà

Storia di un bambino “guerriero” diventato un Angelo che rivive in un’Associazione che porta il suo nome per ridare forza e speranza a chi ancora combatte.

Era il 16 Maggio 2016 quando, a soli 11 anni, si spegneva un bambino di 11 anni.

Mattia Terranova ha lottato coraggiosamente lottato contro il “male”. Ripeteva sempre: “Non mi lamento perché il lamento è dei perdenti ed io non lo sono“.

L’Associazione “Mattia Terranova” è nata due anni fa a Pioppo, un Comune di Monreale in Provincia di Palermo per aiutare i genitori ed i bambini dell’Oncologia pediatrica. Aiuto di ogni genere: giochi , alimenti, strumenti… tutto ciò che possa donare un sorriso ai piccoli guerrieri ed i loro cari genitori.

Ed è proprio con un genitore di un “guerriero” che abbiamo parlato. Un guerriero che oggi è un angelo ma ha lasciato la sua “spada” ai suoi genitori.

Il padre di Mattia si chiama Salvo e, insieme alla sua ex moglie Barbara, sta cercando di ritrovare il senso della propria vita.

A parlare con MediaVox Magazine, attraverso l’amico Alessandro Mazzola, è, dunque, Salvo Terranova. Alessandro ha cercato di metterlo a suo agio, senza pressioni.

Salvo ha mostrato molta dignità; è un fiume in piena nel suo racconto, vuole che l’Italia intera conosca la storia di suo figlio Mattia, per dare coraggio agli altri bambini che lottano.

Il “male” che ha portato via Mattia in solo 18 mesi si chiama “Linfoma di Burkitt”, una neoplasia molto aggessivo.

Mattia è ancora qui con noi“: ha affermato Salvo, aggiungendo: “gli parlo e gli scrivo sulla pagina Facebook perché per me è un modo di affrontare l’immenso dolore; lo sento vicino.  Abbiamo fondato l’Associazione che porta il suo nome per avere un scopo per andare avanti aiutando il prossimo. Per aiutare tutti coloro che stanno vivendo l’”inferno” che io e Barbara abbiamo vissuto per 18 mesi e dal quale, purtroppo, forse non usciremo mai. Accettare una diagnosi cosi infausta equivale ad impazzire; ma, incredibilmente, a darci coraggio è stato proprio Mattia che, sin dal primo momento, ha voluto sempre sapere la verità e parlare direttamente con il Primario con tutti i Medici. Ci infondeva coraggio mentre noi riuscivamo a chiederci solo ‘perché?’, senza darci mai una risposta”.

E’ tangibile la solidarietà e l’affetto che la Famiglia Terranova ha ricevuto dalla Comunità di Pioppo che tanto amava il sorridente e dolcissimo Mattia.

Ovviamente, traspare un altro aspetto in questa storia: la difficile ripresa.

Salvo per poter stare con suo figlio fino all’ultimo momento, ha sacrificato il suo lavoro ed ora ha un lavoro precario e part-time, versando in condizioni economiche difficili, anche se lui, dignitosamente, non ne parla volentieri.

La storia di Mattia, è racchiusa in una Pagina Facebook dal titolo “Il lamento è dei perdenti ed io non lo sono. Vi invitiamo a seguirla e a sostenere l’Associazione. Ogni goccia, insieme alle altre gocce, può formare un Oceano.

Noi vogliamo abbracciare virtualmente questi due fantastici genitori: Salvo e Barbara e ringraziarli per aver condiviso questa storia di coraggio e di grande amore. Si ringrazia anche Alessandro Mazzola per la delicata e preziosa collaborazione.

Non lasciamo soli chi soffre!

 

Articolo di Giovanna Passariello


Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

MediaVox Magazine - La Cultura da condividere. Rivista culturale on line, regolarmente registrata presso il Tribunale di Nocera Inferiore. Sito Web: www.mediavoxmagazine.it Pagina Fan-Facebook: https://www.facebook.com/mediavoxmagazine/