IN RICORDO DEL 5 MAGGIO 1998

Sarno (SA) - Memoria e speranza: 20 anni dai tragici Eventi del Maggio '98

 Vent’anni fa. Era un anonimo martedì quel 5 maggio del 1998 quando le pareti del monte Alvano, alto 1300, dopo essersi impregnate d’acqua, a causa di tre giorni consecutivi di pioggia, crollarono causando, una spaventosa frana che inghiottì le abitazioni sottostanti la montagna.

 I Comuni coinvolti furono ben 5: Sarno, Siano, Bracigliano, Quindici e San Felice a Cancello.

 Nonostante gli abitanti fossero stati allertati, prima dalle autorità e dopo dai grandi boati che si sentivano provenire dalla cima del monte, non si riuscì ad evitare la morte di ben 160 persone: 137 vittime nella sola Sarno. Tra le frazioni di Sarno, la più colpita fu Episcopio.

 Quando i soccorsi giunsero sul posto lo scenario che trovarono fu, a dir poco, apocalittico. Le pareti del monte Pizzo d’Alvano erano collassate in diversi punti travolgedo tutto ciò che trovavano per strada. La tragedia, inevitabilmente, ebbe risonanza nazionale ed internazionale.

 Sono trascorsi 20 anni. Ma sembra ieri. Le polemiche, all’epoca, furono tante, mosse per diversi motivi.

 Oggi vogliamo onorare la memoria delle 160 vittime, ricordate nel tempo anche attraverso monumenti e lapidi commemorativi.

 Perché la memoria di certi eventi e di quell’evento non dovrà mai venir meno.

MediaVox Magazine vi invita a prendere parte alle manifestazioni solenni ed istituzionali, organizzate nei giorni 4 – 5 – 6 maggio 2018 dal Comune di Sarno e dall’Associazione Arma Aeronautica – Sez. Mario Mancusi di Sarno, con il Patrocinio della Provincia di Salerno. Un programma ricco di iniziative per non dimenticare mai e per tramandare alle giovani generazioni l’amore per il ricordo e la voglia di rinascere sempre:

31925164_10156342530043328_2800110671725854720_n

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook916Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Laureato in Giurisprudenza nel 2012. Da sempre appassionato di cinema e serie tv. Frequenta il corso di giornalismo cinematografico della Scuola di cinema ‘Immagina’ a Firenze, diretto dal giornalista Giovanni Bogani. Di recente ha pubblicato con la casa Editrice Print Art il suo primo romanzo ‘La Notte di Mustang’.