40° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DEL COMMISSARIO ANTONIO ESPOSITO

Sarno (SA): XIII Edizione del Premio Legalità

40 anni fa. Torniamo indietro di 40 anni. 21 giugno 1978: quell’anno l’estate non arrivò mai. Perchè nel cuore degli Italiani ci sarebbe stato tanta gelida tristezza. Era il 21 giugno 1978: il Commissario ANTONIO ESPOSITO si stava recando regolarmente a lavoro. Sul pullman. Due  sicari. Un terribile agguato. Non ebbe scampo. Il sole all’improvviso sembrò non tornare mai più. Una comune giornata di lavoro si tinse di lutto. Antonio Esposito fu strappato ai suoi Cari ma non alla memoria della sua Terra. Simbolo di eroe non comune, che ha dato la vita per i valori alti che oggi troppo spesso fatichiamo a difendere.

 Per il 13° anno consecutivo, si è tenuta a Sarno, in data 09 maggio 2018, la Manifestazione Legalità in onore di Antonio Esposito. Un Evento fortemente voluto dalla Famiglia del Commissario Esposito che, ogni anno, mette a disposizione borse di studio per la sensibilizzazione degli alunni delle Scuole cittadine, con il patrocinio del Comune di Sarno, l’appoggio dell’Amministrazione comunale tutta ed in sinergia con la Pro Loco Sarno. 

 Per il primo anno, la Cerimonia si è tenuta, in  maniera solenne, a Piazza IV Novembre, dinanzi al Palazzo Municipale. Presenti Familiari del dr. Antonio Esposito: un saluto particolare alla moglie del Commissario e alla nipote, l’Avv. Matilde Squillante.

 Quest’anno è stata ricordata anche la figura di ElenoAniello  Viscardi, a cui è intitolato lo Stadio comunale di Lavorate, anch’egli vittima del terrorismo, brutalmente ucciso il 13 novembre 1981, mentre effettuava a Milano un’operazione di controllo in qualità di guardia di pubblica sicurezza. Presenti i Familiari.

 Sono stati, poi, onorate le altre Vittime: DE MARCO MarioGALLUZZO Antonio, PALUMBO Prisco SANTORO Rocco.

 Sono intervenuti il Dott. Giuseppe Canfora, Sindaco di Sarno e Presidente della Provincia di Salerno, e il Dott. Maurizio Ficarra, Questore di Salerno. Hanno partecipato, oltre ad un folto pubblico, tantissime Autorità civili, militari e religiose.

 A moderare l’intera Manifestazione, anche quest’anno, la Giornalista Avv. Viridiana Myriam Salerno.

 Anima dell’iniziativa, dunque, i lavori realizzati dalle Scuole sarnesi. Grandi complimenti per gli Studenti, per i Docenti e per i Dirigenti scolastici, sempre attenti e pronti a partecipare ai Progetti importanti. Difficile è stato il compito della Commissione che ha giudicato gli elaborati pervenuti al Settore 2 Servizi alla Persona dell’Ente Comune Sarno.  Si ringraziano per l’ottima organizzazione: la Dott.ssa Clelia Buonaiuto, Tonino Robustelli e Giampietro Morrone.

PREMIATI

2° CIRCOLO DIDATTICO

 CLASSI  V A e V B

3° CIRCOLO DIDATTICO

ALUNNI DEL PLESSO DI FOCE

SCUOLA PRIMARIA DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO DE AMICIS – BACCELLI

GIADA ORZA –  V E PLESSO LAUDISIO

SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO DE AMICIS – BACCELLI 

EX AEQUO: ALUNNI DELLA I E e LORENZO COSSA DELLA III F

SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO G. AMENDOLA

EX AEQUO: ROSANNA MILONE, FLAVIA CELENTANO e FEDERICA PAPPACENA DELLA I G e CARMEN VILLAMAINA e ILENYA LONGO DELLA III M PLESSO DI LAVORATE

 LICEO CLASSICO SCIENTIFICO E LINGUISTICO T. L. CARO

EX AEQUO:  MARIA SIRICA DELLA III AS e ALLIEVI DELLA I A DEL LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE APPLICATE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CUOMO-MILONE

CLASSE II B

 Ospite d’onore in questa XIII Edizione del Premio, la Fanfara della Polizia di Stato, magistralmente diretta dal M° Secondino De Palma. La Fanfara ha deliziato la platea con un eccellente Concerto: brani di rigorosa istituzionalità, misti a canzoni più spensierate. Emblematico il messaggio lanciato dal pezzo di Gloria Gaynor “I will survive”, dedicato alla Memoria degli eroi della legalità il cui ricordo sopravviverà sempre e dovrà farlo soprattutto attraverso i più giovani. La Fanfara della Polizia di Stato ha l’obiettivo di proseguire l’opera di promozione e diffusione dei valori della legalità attraverso la cultura musicale. Attualmente è composta da circa cinquanta musicisti ed è diretta, appunto, dal Maestro Secondino De Palma; partecipa non solo alle cerimonie della Polizia di Stato, ma anche ad eventi culturali e a scopo benefico, di rilievo nazionale ed internazionale, con uno sguardo particolare ai concerti didattici. Hanno eseguito i seguenti brani e/o medley: Gaia; Don Pasquale, Second Suite, Tribute to Harry James, Innuendo, Il grande Battisti, Gloria Gaynor Hits, Aida Finale Atto 2°. Il concerto si è concluso con la standing ovation del pubblico e con la marcia d’Ordinanza della Polizia di Stato “Giocondità” e l’Inno Nazionale “Fratelli d’Italia”.

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook898Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Raffaele Di Matteo, dopo la Maturità classica, consegue la Laurea quadriennale in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Salerno, discutendo la Tesi in Istituzioni di Diritto Pubblico, dal titolo “Diritto dell’informazione radio-televisiva e nuove tecnologie”. Diventa Avvocato, penalista e civilista, specializzandosi nelle materie che interessano il diritto penale, tributario, di famiglia e di lavoro. Coltiva sempre la sua passione per la scrittura e per il giornalismo e tiene rubriche di diritto per vari periodici. Viene accreditato ad importanti ed internazionali Eventi come, ad esempio, il Festival di Sanremo, l'Ischia Film Festival, il Taormina Film Fest e l'Italian Movie Award. E' Presidente dell'Associazione culturale "Mediavox" dal 2012 e Direttore editoriale della Testata Web "MediaVox Magazine" dal 2015.