Università delle Tre Età

IL NUOVO ANNO ACCADEMICO DELL’UTE NUCERIA

Le sette note hanno inaugurato il dodicesimo anno accademico, 2018/2019, dell’Università delle Tre Età, Ute Nuceria, presso il salone dei Frati Minori Conventuali di Sant’Antonio a Nocera Inferiore. Ad aprire la serata inaugurale, e non poteva essere diversamente, il Presidente Mario Pepe. Presenti, come spesso succede in queste occasioni, le autorità rappresentate dal Primo Cittadino di Nocera, Manlio Torquato, l’assessore per le attività culturali e giovanili, Federica Fortino, e il Padre Superiore del Convento di Sant’Antonio, Michele Alfano.

Durante i vari interventi sia del Presidente dell’Ute Nuceria, del Padre Superiore, del Sindaco e dell’Assessore, è stato posto l’accento sulla rilevante attività culturale che la stessa associazione svolge sul territorio e sottolineando, anche e soprattutto, di tentare di coinvolgere anche i giovani alle varie lezioni che, con cadenza bisettimanale, si svolgono presso il salone del convento.

L’ospite musicale, introdotto dalla Dott.ssa Margherita Spagna, è stato il Maestro Mario Alfano con la sua Carosuoni Band, con la quale ha intrattenuto i presenti nella sala con una lezione-spettacolo tributo al grande Adriano Celentano. Una particolare lezione, quindi, in cui lo stesso Maestro Alfano ha narrato, nel vero senso della parola, gli aneddoti più rilevanti, più significativi della vita e della carriera del grande artista di origine foggiane.

Tra una canzone storica e l’altra il Maestro Alfano ha precisato, in maniera molto semplice e con molta passione anche, come l’Adriano Nazionale abbia iniziato a calcare il palcoscenico da giovane; come, poi, in seguito, ha conquistato diversi record che, stranamente, non vengono mai messi in risalto quando si parla di lui nelle varie occasioni. Records relativi non solo nell’ambito musicale, ma anche nell’ambito cinematografico: infatti ha recitato in ben 45 pellicole.

Le canzoni sono state egregiamente proposte dai ragazzi ormai già conosciuti: Josè, Barbara, Sal-vo, Manuela e Rosaria. Tutti e quattro si sono cimentati alle volte insieme e alle volte no con hit come: ‘Il tuo bacio è come un rock’, ‘Chi non lavora non fa l’amore’, ‘Il ragazzo della via Gluck’, ‘Svalutation’ e anche l’incomprensibile titolo: ‘Prisencolinesalciusol’, il primo rap della storia della musica, intonato con molto grinta dal giovane rapper Sal-vo. Inoltre il gruppo di Mario Alfano ha chiuso la serata con la canzone natalizia ‘Ama, spera e canta’.

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook924Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Laureato in Giurisprudenza nel 2012. Da sempre appassionato di cinema e serie tv. Frequenta il corso di giornalismo cinematografico della Scuola di cinema ‘Immagina’ a Firenze, diretto dal giornalista Giovanni Bogani. Di recente ha pubblicato con la casa Editrice Print Art il suo primo romanzo ‘La Notte di Mustang’.