Emergenze naturali nel territorio della Regione Campania

Intervista all'On. De Pascale

Abbiamo intervistato il Generale On. Carmine De Pascale in merito ad importante tematiche che interessano la Regione Campania…

La Regione Campania è un territorio a forte e costante rischio di calamità naturali. Quali sono le azioni che prioritariamente sono da attivare in caso di emergenze per calamità naturali?

Nella nostra Regione Campania sono evidenti molteplici rischi di calamità naturali legati alla conformazione del nostro territorio. Ciò premesso risulta importante monitorare il territorio ed in particolare le aree a rischio “sismico”, quali in primis il territorio dei Campi Flegrei e l’area vesuviana. La conoscenza e la consapevolezza dei rischi sono fondamentali nella riduzione degli impatti. I dati tecnici e scientifici sono di grande aiuto per evidenziare il “grado di allerta” e consentire pertanto di programmare e pianificare un sistema integrato d’interventi ed azioni da attivare. Allo stato attuale, in base agli studi ed ai dati tecnici e scientifici sinora pervenuti dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e dalla Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (RELUIS), l’area dei Campi Flegrei presenta un grado di allerta superiore rispetto ad altre zone di territorio. Solo attraverso un “sistema coordinato ed  integrato” tra gli enti e le istituzioni preposte, solo attraverso “l’osmosi delle competenze” si può realizzare un’azione di sistema efficace per essere “operativi” in caso di emergenze per calamità naturali. Bisogna inoltre attivare “periodiche esercitazioni” al fine di testare la macchina organizzativa e migliorare costantemente le risposte idonee a tutelare la vita dei cittadini.

L’ impegno del “Comitato Regionale del Volontario della Protezione Civile” ed il ruolo del volontariato ?

Il Comitato è l’organismo consultivo e rappresentativo dell’associazionismo di protezione civile regionale ed ha lo scopo di favorire la partecipazione delle organizzazioni di volontariato alle attività di protezione civile della Regione Campania per meglio rispondere all’esigenza di una più “incisiva rappresentanza del volontariato all’interno del Sistema regionale di protezione civile”. I volontari costituiscono una delle componenti  più importanti del “sistema protezione civile”. Il ruolo del volontariato è fondamentale durante un’emergenza ed è la compenente fra le prime ad essere attivata. In emergenza la funzione di volontariato si integra con tutte le altre funzioni di supporto, in particolare con le funzioni “assistenza alla popolazione”, “materiali e mezzi” e “telecomunicazioni”.

Quale presidente del Comitato Regionale del Volontario della Protezione Civile ci descriva quali sono le linee guida che si è prefisso?

Il mio compito, quale presidente del Comitato Regionale del Volontario della Protezione Civile, è proprio quello di coordinare e programmare azioni ed attività dei gruppi comunali e delle associazioni di volontariato di protezione civile presenti sul territorio regionale. Le linee guida che mi sono prefisso sono le seguenti: promuovere il volontariato, stimolare progetti, idee, riflessioni e proposte sui temi di interesse del volontariato in materia di protezione civile, anche al fine di contribuire alla promozione, alla formazione e allo sviluppo del volontariato e di accrescere il coordinamento tra organizzazioni di volontariato e tra queste e tutte le altre componenti del Sistema regionale di Protezione Civile. Ritengo che l’addestramento e la formazione “tout court” rappresentino il punto di partenza per dar vita ad un sistema integrato efficiente ed  efficace: l’addestramento dovrà essere non solo teorico, ma accompagnato da periodiche “simulazione di eventi catastrofici” in modo da “ testare” ogni singola componente dell’organizzazione messa in campo. Il Comitato dovrà esercitare una “funzione di impulso e proposta” riguardo agli interventi regionali in materia di volontariato, alle iniziative di formazione, aggiornamento, educazione alla cultura della solidarietà, resilienza delle comunità e orientamento al volontariato.

Ritiene importante coinvolgere e sensibilizzare il cittadino ?

Ritengo sia molto importante coinvolgere in maniera attiva i cittadini, che rappresentano delle vere e proprie sentinelle sul territorio. Le campagne informative rappresentano un altro aspetto importante: è necessario sensibilizzare la popolazione tutta in merito alle emergenze naturali ed in particolare sulle azioni ed attività da intraprendere nel caso in cui si verificassero. Bisogna attirare l’attenzione dei cittadini sulle buone pratiche da adottare in caso di emergenze naturali per ridurne l’impatto. La cittadinanza attiva e partecipativa è per me un obiettivo da perseguire costantemente. La tutela dell’ambiente e del territorio è affidata anche a chi vive in tale sistema ed ha tutto l’interesse a viverci bene e consegnare ambiente e territorio, possibilmente migliorati, nelle mani delle future generazioni.

Il ruolo delle associazioni di volontariato di protezione civile sul territorio della Regione Campania?

Nel nostro territorio sono presenti numerosi gruppi comunali ed  associazioni di volontariato iscritte  nell’albo, di recente aggiornato ed implementato , delle Organizzazioni di volontariato di protezione civile della Campania. E’ importante evidenziare che i volontari non si limitano solo a fare volantinaggio macoinvolgono attivamente  i cittadini informandoli, illustrando loro i contenuti della campagna d’informazione e sensibilizzazione , e rispondendo ai loro dubbi e quesiti. Spesso utilizzano anche il materiale informativo predisposto per rispondere in maniera scientifica e autorevole a qualsiasi richiesta dell’utenza. I volontari dei gruppi comunali e delle associazioni di volontariato, anchee soprattutto attraverso il racconto delle loro esperienze dirette. coinvolgono e sensibilizzano la cittadinanza tutta riguardo i rischi e le azioni da intraprendere. 

I suoi propositi futuri ?

Mi sto adoperando al fine di incentivare  la costituzione di coordinamenti territoriali funzionali, coordinare le organizzazioni di volontariato e costituire una “struttura operativa” efficiente ed efficace.

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Laureata in Lettere - Indirizzo Moderno presso l’Università ‘Federico II’ di Napoli, è responsabile sales e marketing presso una importante azienda metalmeccanica. Dal maggio 2018, è Giornalista Pubblicista e collabora con ‘Mediavox Magazine’. Dal settembre 2016, è presidente del Comitato di volontariato ‘Ad Astra’ occupandosi dell’organizzazione di eventi culturali come mostre, convegni e conferenze, tra i quali: in tema di prevenzione dei tumori, la mostra fotografica ‘Scars of life’ presso l’Ospedale ‘Cardarelli’ di Napoli (marzo 2018) e presso il Consiglio Regionale della Campania (maggio 2018); il convegno ‘Cyberbullismo e bullismo’ – azioni di prevenzione e contrasto’, il convegno ‘Idee e strategie per abbattere la dispersione scolastica’ presso il Comando Aereoporto Militare di Napoli ‘Ugo Niutta’.