NOTE DI FINE ANNO

Concerto per la cerimonia di chiusura dell’anno accademico 2018/19 dell’Ute Nuceria

Con il primo tempo della ‘Primavera di Vivaldi’, eseguito dagli alunni del Liceo A. Galizia sezione musicale di Nocera Inferiore, si è aperta la cerimonia di chiusura dell’anno accademico 2018/2019 dell’Ute Nuceria. In seguito si sono avvicendati gli alunni della sezione chitarristi guidati dal Maestro Antonio Saturno, supportato dalla Maestra Prof.ssa Ananda Olita e dal Maestro Amedeo Angellotti. La serata, svoltasi il 30 aprile del 2019, non è stata solo incentrata sulla musica, ma soprattutto sulla consegna di singoli attestati di partecipazione a tutti coloro che, in questo anno accademico, hanno seguito le 36 lezioni svolte.

Ma i numeri che devono esser citati sono ancora più alti rispetto a quello menzionato. Difatti la serata finale ha assunto un duplice ruolo, non solo quello di fungere da semplice saluto per poi rinnovare l’appuntamento all’anno accademico successivo, ma anche per porre l’accento su un cammino, quello dell’Ute Nuceria, che giunge al dodicesimo anno di attività. Infatti il Presidente Mario Pepe ha ricordato, tra le tante attività svolte nei dodici anni, ben 439 lezioni, 336 docenti coinvolti, pubblicati 13 volumi rientranti nella collana dell’Ute Nuceria, 8 mostre di alto interesse artistico e culturale, oltre 24 visite guidate, alcune raccolte fondi, diversi protocolli d’intesa con vari organismi sociali e tante altre attività. Senza dimenticare il sito web dell’associazione che, al momento dell’annuncio, contava ben 116.500 visitatori. Tutte queste attività non sono state solo un fatto numerico, ma soprattutto hanno rappresentato un grande valore qualitativo e divulgativo della cultura.

Nel corso della manifestazione è stato conferito il titolo di socio onorario al Maestro Mario Alfano. Non sono mancati i ringraziamenti ai frati conventuali di Sant’Antonio. Proprio in merito a ciò è intervenuto il Padre Provinciale della Campania, Puglia e Basilicata, nonché delle Filippine, Cosimo Antonino. Nelle sue parole è stata sottolineata l’importanza non solo culturale ma bensì della funzione di mera aggregazione sociale che la stessa Università, in tutti questi anni, ha contribuito a dare al territorio dell’agro nocerino-sarnese.

Altro intervento durante la cerimonia è stato quello della Dirigente Scolastica del Liceo Musicale Galizia, Maria Giuseppa Vigorito, la quale ha voluto precisare, ringraziando a sua volta, l’impegno profuso dai ragazzi del suo istituto scolastico durante, non solo i tre incontri con l’Ute Nuceria, ma anche per tutto il percorso scolastico che li ha formati. Gli elogi della Preside, però, non sono solamente stati rivolti ai propri alunni, ma anche ai corsisti dell’Ute Nuceria ai quali lei ha consegnato, singolarmente, gli attestati di frequenza.

Al termine della cerimonia tutti gli ospiti ed i corsisti si sono portati nel chiostro dove si sono intrattenuti gustando un ricco buffet.

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Laureato in Giurisprudenza nel 2012. Da sempre appassionato di cinema e serie tv. Frequenta il corso di giornalismo cinematografico della Scuola di cinema ‘Immagina’ a Firenze, diretto dal giornalista Giovanni Bogani. Di recente ha pubblicato con la casa Editrice Print Art il suo primo romanzo ‘La Notte di Mustang’.