LE SERIE TV OLTRE GLI STEREOTIPI. NINO FRASSICA ALLA FESTA DELLE SERIE TV

FEST: FESTA DELLE SERIE TV

‘Le serie tv oltre gli stereotipi’, come già accennato ieri, è il tema sul quale si poggia questa seconda edizione della ‘Festa delle serie tv’. Oltre a ciò, c’è anche da precisare che è anche, oggi 21 settembre, il titolo di un dibattito molto interessante. Introdotto da Marina Pierri, con la partecipazione di ospiti illustri come gli sceneggiatori di ‘Gomorra’, Leonardo Fasoli e Maddalena Ravaglia, e Francesca Vecchioni; la discussione è stata indirizzata nell’esatta direzione, mediante un’analisi attenta e senza ‘stereotipizzazioni’ concettuali come spesso succede in questi casi. Difatti se da un lato i presenti convergono, quasi tutti ed indistintamente in unico pensiero, c’è chi, nell’affrontare tale discorso, pone l’accento su un possibile allarme, semmai su un possibile decadimento verso un eccesso opposto: ossia quello di non creare ulteriori stereotipi, frattanto che vengono distrutti quelli attraverso i quali hanno fatto la fortuna di serie storiche. Inteso anche come schema di base, senza tralasciare l’aspetto psicologico che spinge lo spettatore ad identificarsi su un determinato personaggio.

Questa seconda giornata, però, è stata piena di eventi e di ulteriori incontri interessanti, anche nel segno della risata provocata dalle battute ‘nonsense’ di Nino Frassica. L’attore comico era presente non solo in qualità di ospite, ma anche per ricordare e confermare che ‘Don Matteo 12’ approderà in Rai dal 2020 e che, per quanto riguarda le reti Mediaset, sarà protagonista anche di un’altra fiction ‘I Fratelli Caputo’. L’attore, introdotto dal giornalista Paolo Fiorelli, si è lasciato intervistare in maniera semi-seria, facendo ridere i presenti ed ottenendo applausi meritati.

Altro appuntamento di rilievo è stato quello relativo al futuro delle serie tv, con lo sceneggiatore di diversi film e fiction, tra la storica serie ‘Distretto di Polizia’ ed il lungometraggio ‘A.C.A.B’, Daniele Cesarano, il quale è anche Direttore Fiction Mediaset. La discussione è stata improntata, insieme al Direttore Editoriale Taodue Giorgio Grignaffini, all’analisi del contenuto in generale del progetto seriale e, nel tempo, come esso sia stato modificato; con una linea sempre più orizzontale, unica trama di base per una o più stagioni, e sempre meno verticale, ovvero singole situazioni che si risolvono nell’arco di un singolo episodio. Trasformando sempre di più la serie tv più come un mero ‘romanzo’ visivo che come mero show televisivo, andandosi a discostare oltremodo dall’impostazione della tv generalista.

Per quanto concerne le anteprime è doveroso segnalarvi l’ottima impressione che ha suscitato il primo episodio della nuova serie ‘Doom Patrol’, la squadra dei supereroi dei fumetti Dc Comics, e spin-off della serie ‘Titans’. Stranamente non presente nella piattaforma streaming Netflix, ma bensì su Amazon Prime. Il gruppo di questi supereroi cosiddetti minori o che comunque, negli anni in cui i fumetti non erano solo una questione per collezionisti, sono personaggi non ampiamente considerati ed osannati alla stessa stregua di ‘Batman’, ‘Superman’ e ‘Wonder Woman’. Interpretato da Brandon Fraser, nel ruolo di ‘Robotman’, ‘Doom Patrol’ è un perfetto mix di linea

orizzontale con la leggerezza tipica delle storie a strisce e delle serie tv di qualche anno fa. Lo sviluppo iniziale della trama non per nulla complesso, scivola via via fino alla fine, lasciandoti la voglia di proseguire nella visione dell’episodio successivo. La prima stagione è composta da 15 episodi ed uscirà il prossimo 7 ottobre. Da segnalare, inoltre, non solo la presenza di Timothy Dalton, nel cast, ma anche l’eccellente Diane Guerrero nel ruolo di Crazy Jane.

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Laureato in Giurisprudenza nel 2012. Da sempre appassionato di cinema e serie tv. Frequenta il corso di giornalismo cinematografico della Scuola di cinema ‘Immagina’ a Firenze, diretto dal giornalista Giovanni Bogani. Di recente ha pubblicato con la casa Editrice Print Art il suo primo romanzo ‘La Notte di Mustang’.