L’ENERGIA CREATIVA DI GAETANO DE RISO

Castellammare di Stabia e l'Arte di Gaetano de Riso

Paesaggi sospesi tra il blu del cielo e l’azzurro del mare del golfo di Castellammare di Stabia (NA), esplosioni cromatiche che rendono magiche le atmosfere presenti nelle sue tele, sinfonie di colori che pervadono i suoi lavori. C’è tutto questo nei quadri di Gaetano de Riso e molto altro ancora.

Nacque nel 1934 a Sant’Antonio Abate (NA) ma divenne stabiese d’adozione dove si spense nel 2014. Uomo schivo, gentile e di profonda sensibilità umana e artistica. Nelle sue opere si realizza un incontro cromatico di grande finezza pittorica, i colori vibrano nei quadri di de Riso e tutti gli alberi, le barche, le persone, gli oggetti, i paesaggi nelle sue tele acquistano una dimensione emozionale.

L’energia creativa di de Riso attraversa tutto il suo cammino artistico regalandoci lavori di assoluta bellezza. La sua pittura si articola in immagini dove la natura, gli uomini, gli alberi, i palazzi hanno perso la loro reale fisicità per divenire pennellate di puro colore come nei quadri in cui sono raffigurati dei passanti colti innanzi alle tipiche pescherie stabiesi oppure nel quadro in cui il Maestro riesce a ritrarre tutta l’unicità del paesaggio invernale che scintilla nella luce dorata del sole o l’inarrestabile fluire della vita davanti alla storica struttura della “Cassa Armonica”, emblematico monumento stabiese.

La forza evocativa delle tele dei de Riso ci avvolge nell’atmosfera vitale e, allo stesso tempo, impalpabile del suo mondo interiore. Egli cerca attraverso la fluidità delle linee e dei colori di cogliere il momento fuggevole dell’esistenza, l’istante in cui tutto è perfetto e irraggiungibile. L’intensità espressiva dei suoi lavori rivela la sua perfetta padronanza del linguaggio pittorico che gli permette di cogliere la poesia racchiusa nella realtà che lo circonda.

Le sue opere sono state esposte a Firenze, Milano, Venezia, Roma, Castellammare di Stabia ottenendo sempre un bel riscontro da parte sia dei critici sia del pubblico. E’ presente in numerosi cataloghi e volumi d’arte tra cui L’Annuario D’Arte Mondadori (2000) e Arte Contemporanea Mondadori (2005).

Gaetano de Riso è uno dei tanti figli dimenticati dalla sua amata Castellammare ma “Nemo propheta in patria”. Amara verità.

Condividi questo articolo...Print this pageEmail this to someoneShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0

Laureata in Scienze politiche presso l’Università Orientale di Napoli, ha pubblicato due raccolte liriche ottenendo vari riconoscimenti dalla critica. Tra le sue pubblicazioni, i libri per ragazzi “Scricchiolino” (che in modo frizzante ma profondo, narra le difficoltà di crescere di un ragazzino) e “Colpire al cuore” (uno spaccato del mondo adolescenziale d’oggi, presentato nel 2013 al Salone Internazionale del Libro di Torino). E’ addetto stampa per l’Italia del “Festival della Poesia Europea di Francoforte sul Meno”. Nel 2016, ha pubblicato L’ombra della luna nuova A’ storia du rre e’ Castiellammare: una finestra sulla vita di provincia e sull’Italia fascista dei primi del Novecento. Il testo è stato presentato a “Casa Menotti” nell’ambito del Festival dei Due Mondi di Spoleto. Ha pubblicato "Noi siamo un passo avanti".