Genova e il suo gioiello: il Teatro “Carlo Felice”

GENOVA – Il teatro “Carlo Felice” di Genova si prepara ad accogliere gli appassionati di musica lirica e sinfonica con l’avvio ufficiale della stagione 2022/23, previsto con il Concerto Inaugurale del 30 settembre, alle ore 20:30, quando l’ Orchestra e il Coro delI’ Opera suoneranno musiche di Mozart, Manzoni e Strauss. Il programma completo della stagione, consultabile sul sito ufficiale del teatro, prevede la rappresentazione di otto spettacoli operistici e diciannove concerti sinfonici.

Il 28 ottobre ci sarà la prima di “Beatrice et Benedict”, di Hector Berlioz, Opera mai eseguita finora in Italia. A dirigerla sarà il Maestro Donato Renzetti, mentre la regia sarà curata da Damiano Michieletto. Ben due i titoli verdiani proposti: “Un ballo in maschera” e “I Due Foscari”. Torna la “Tosca” di Puccini con la partecipazione, nel ruolo della protagonista, dell’ acclamato soprano Maria Josè Siri.

A completare il cartellone “La Cenerentola” di Rossini, “Die Fledermaus” di Johann Strauss II, la “Norma” di Bellini e il “Don Pasquale” di Donizetti.

“La mission dei teatri è anche quella di favorire la messa in scena di opere meno conosciute, ma dal rilevante significato artistico e culturale – dichiara il Sovrintendente Claudio Orazi – ; “Beatrice et Benedict” di Berlioz rappresenta l’ occasione per far conoscere un’ Opera davvero molto bella.

Ispirata alla commedia “Molto rumore per nulla” di Shakespeare, essa è un capolavoro sul piano musicale e letterario. 

Gli altri titoli sono legati ad una tradizione consolidata e costituiscono un repertorio amato dal grande pubblico, messo in scena da direttori e cantanti di fascia alta.

In virtù di una collaborazione mediatica avviata con Rai 5, Rai Cultura e Radio Rai 3, le Opere e i Concerti saranno presentati su tutte le emittenti pubbliche.

Una grossa opportunità per far ascoltare Berlioz anche nel resto del paese”.

Ricco di appuntamenti, ben diciannove, è il programma della stagione sinfonica. Molti i concerti degni di nota, che daranno voce ad alcuni tra i più grandi compositori dell’ universo musicale mondiale: da Mozart a Ravel, da Beethoven a Rachmaninov, da Brahms a Cajkovskij.

Previste serate incentrate su temi specifici. E’ il caso de:  i “Novecenti”, e “Mozart l’italiano”.

“La linea sinfonica riguarda l’esecuzione di musica antica, barocca, del Settecento e contemporanea – , prosegue Orazi – ; ci sarà anche una serata dedicata alle musiche del compianto Luciano Berio di cui ricorre, nel 2025, il centenario della nascita. Berio, originario della provincia di Imperia, merita di essere pienamente valorizzato”.

Le novità non si concludono qui.

“Ai diciannove concerti se ne aggiungeranno altri ventiquattro sinfonici, che si terranno sul territorio regionale ligure. Ci prefiggiamo, come sperimentato l’estate scorsa ed in questa primavera, di essere presenti nei nove municipi della città di Genova. Non tutti, purtroppo, frequentano il teatro, e allora siamo noi che andiamo a trovare la gente. Il “Carlo Felice” ha una natura policentrica, è al servizio della città, deve e vuole svolgere una funzione sociale e artistica”.

Alla domanda sulle aspettative in termini di risposta del pubblico melomane, Orazi è fiducioso: “Già dallo scorso gennaio, e fino a giugno, abbiamo potuto constatare un forte interesse da parte degli spettatori, che si sono riavvicinati al teatro dopo il periodo di emergenza legato al Covid.

Un obiettivo è quello di favorire la partecipazione delle giovani generazioni, attraverso importanti collaborazioni avviate con il mondo scolastico e universitario della regione Liguria”.

Infine, Orazi ci confida quanto tempo necessita la realizzazione di una stagione teatrale.

“Idealmente la fase di programmazione va dai due ai tre anni. Occorre contattare direttori, team artistico, registi, scenografi, costumisti. Non nascondo di aver già in mente i titoli degli spettacoli che animeranno pomeriggi e serate del “Carlo Felice” fino al giugno del 2025”.

Foto tratte dal web

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Pasquale Ruotolo, docente nei Licei Musicali, è laureato in Sociologia, Musicologia e diplomato in Pianoforte Principale. Giornalista pubblicista iscritto all’Odg Campania e all’Assostampa Campania Valle del Sarno, ha pubblicato con AeM editore nel 2009 il romanzo “Per te” e, nel 2020, con Echos, il romanzo “Anime gemelle”.