Il compromesso costituzionale del 2 giugno del 1946

Festa della Repubblica


Il 2 giugno ’46 il popolo italiano, per la prima volta nella sua storia, fu chiamato a pronunciarsi democraticamente sui massimi problemi della vita politica, con un duplice voto: per il referendum e per l’elezione dei deputati all’Assemblea costituente, chiamati a scrivere una nuova costituzione. Per la prima volta, il diritto di voto fu riconosciuto a tutti i cittadini, uomini e donne.
La scelta repubblicana prevalse di poco su quella monarchica.
Fu una scelta di grande importanza: non si trattava di stabilire solo se avere un re o un presidente della repubblica. Era in gioco la continuità con il regime precedente. Con l’abolizione della monarchia, che era il segno più visibile e rappresentativo della vecchia costituzione, venne scelta la rottura, cioè un regime integralmente nuovo.
L’Assemblea costituente riceveva così un’indicazione a favore di una profonda trasformazione costituzionale.
L’Assemblea costituente fu eletta per mezzo di un sistema elettorale proporzionale che consentiva a tutti i partiti di ottenere i posti in palio in proporzione ai voti conseguiti.
Questo era il quadro politico della nuova Italia: due schieramenti maggiori a confronto: la Democrazia cristiana da un lato, i partiti comunista e socialista dall’altro, le forze liberali, con un ruolo complementare. Tra queste forze si stipulò il patto che diede luogo alla Costituzione.
La Costituzione non è nata dall’imposizione di una forza sulle altre. Sarebbe erroneo pensare che vi si trovi una sola concezione politica, sviluppata con coerenza e completezza. Per questo, già dai tempi dell’Assemblea costituente si è parlato di compromesso costituzionale.
Il compromesso va intese nel senso più elevato del termine, come ricerca di unità per costruire un regime nuovo, uno Stato di tutti e non di uno o di un altro partito, di una o di un’altra ideologia.
La Costituzione rappresenta una sintesi armonica di valori e principi di matrice culturale e politica differente.
La tradizione liberale è evidente laddove si parla di diritti di libertà individuale e della tutela dell’iniziativa economica privata.
La matrice socialista si manifesta quando il testo costituzionale introduce i principi dell’uguaglianza sociale, dell’intervento statale in economia e dell’importanza del lavoro.
L’influenza dei valori cattolici è soprattutto presente quando si affrontano i temi della solidarietà e del ruolo della famiglia.
Questa sintesi di valori ha consentito alla Costituzione di svolgere per decenni un compito di unificazione della vita politica e di pacificazione dei contrasti.
I singoli partiti non concepirono la Costituzione secondo il loro immediato vantaggio particolare. L’Assemblea costituente lavorò con lo sguardo rivolto al futuro. Fu, secondo l’espressione di Calmandrei, un’Assemblea “presbite”.

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Docente di Discipline Giuridiche ed Economiche presso l’I.S.I.S. “G. Fortunato” di Angri , di cui è anche collaboratore-vicario. Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Salerno con 110/110 con lode e licenziata in Teologia Dommatica summa cum laude presso la Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale – sez. San Tommaso, ha conseguito due Master in Studi storico-religiosi ( Ebraismo, Cristianesimo e Islam; Il Cristianesimo antico nel suo contesto storico) presso l’Università degli Studi di Napoli L’Orientale, il Master di II livello Management e Leadership delle Istituzioni Educative presso l’Università degli Studi di Bologna e il master Didattica e Psicopedagogia per i disturbi specifici di apprendimento presso l’Università degli Studi di Salerno. Ha pubblicato molti volumi. Sensibile e attiva nel dibattito socio-culturale sul territorio campano.