DESTROY ALL HUMANS! OLD BUT GOLD?

Viviamo un’epoca videoludica in cui il senso di nostalgia ha colpito in pieno i più attempati e veterani che vogliono rivivere le avventure della loro infanzia in una veste del tutto nuova tramite i remake o le remastered di giochi delle generazioni scorse, un metodo che permette anche ai più giovani di approcciarsi a delle vecchie glorie che altrimenti avrebbero probabilmente ignorato, poiché figlie di un’epoca troppo diversa dalla loro. I giochi che sono tornati dopo tanto tempo sulle nostre console nel corso degli anni sono numerosi, basti pensare a Crash Bandicoot: N. Sane Trilogy, Spyro: Reignited Trilogy, MediEvil, i primi tre capitoli della Resident Evil Saga e molti altri. A questa tendenza si è aggiunto nei giorni scorsi un classico del 2005 per PlayStation 2 e Xbox, Destroy All Humans! Sviluppato dalla Pandemic Studios, chiusa dal 2009. Il remake del titolo con protagonista l’alieno Cryptosporidium 136, fiero rappresentante della razza Furon che si è posta l’obbiettivo di conquistare il pianeta Terra, era stato annunciato da THQ Nordic, produttori ed eredi della THQ, produttore del gioco originale, ed è stato sviluppato dalla Black Forest Games. Il titolo, pubblicato lo scorso 28 Luglio per PlayStation 4, Xbox One e PC, secondo gli esperti è estremamente fedele all’originale, forse anche troppo. Il comparto grafico è stato svecchiato e qualche aggiunta di gameplay ha contribuito a migliorare un titolo con già delle solide basi, ma che continua a portarsi dietro parte delle mancanze del passato, come un’offerta ludica tutto sommato scarna ( saranno necessarie meno di 10 ore per finire la campagna ) e delle meccaniche di gioco rimaste fin troppo simili a quelle già viste 15 anni fa. Questo remake consente dunque di recuperare un cult di ben due generazioni fa in chiave moderna, sebbene sia ancora presente la ruggine accumulata nel tempo, ma del resto è proprio il bello del vintage, nei videogiochi come in tutto il resto.

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Giuseppe Leone, ha conseguito il diploma di maturità classica presso l'Istituto Publio Virgilio Marone di Mercato San Severino. Attualmente studente presso l'Università degli Studi di Salerno. Da sempre grande appassionato di cinema, fumetti e videogames.