Eurovision is back

Eurovision Song Contest Rotterdam 2021

Eurovision is back: con questa frase torna l’Eurovision Song Contest, dopo lo stop forzato causa Covid-19 dello scorso anno che ha impedito a Diodato di gareggiare. Siamo, dunque, all’Ahoy Arena di Rotterdam, nei Paesi Bassi, visto che nel 2019 a trionfare è stato il cantante olandese Duncan Laurence con ‘Arcade’. E c’è il pubblico, un pubblico tutto tamponato e tanto caloroso: non sembra vero, ma è vero!

Emozione e brividi di adrenalina per la 65esima edizione dell’evento canoro più popolare in Europa, a cui partecipano quest’anno 39 Paesi.

La prima semifinale, tenutasi ieri martedí 18 maggio (in onda su Rai4 con il commento di Saverio Raimondo ed Ema Stockholma), ha decretato i dieci Paesi finalisti che accedono alla serata di sabato 22 maggio, in diretta su Rai1 (anche su Rai Radio 2 e in streaming su RaiPlay) con Cristiano Malgioglio e Gabriele Corsi. Prima ci sarà la seconda semifinale, sempre su RAI4, il 20 maggio.

Il trofeo in Italia manca dal 1990, quando a vincere fu Toto Cutugno. Super attesi i Måneskin. Sorriso giovane e look da star: Zitti e buoni loro di sicuro non ci vogliono stare e promettono di far sventolare alto il tricolore italiano, a colpi di chitarre e forti sonorità rock. Dopo gli strepitosi Il Volo e Mahmood che hanno davvero sfiorato l’impresa, basteranno per vincere la forza e l’energia della band romana? “…Dal punto giusto di vista, del vento senti l’ebrezza. Con ali in cera alla schiena ricercherò quell’altezza, se vuoi fermarmi ritenta…“: loro cantano; noi, con una mano, incrociamo le dita e, con l’altra, prepariamoci a votare strategicamente!

In questo periodo di ripartenza, forse abbiamo tutti bisogno di credere nella passione, nella speranza e nel potere terapeutico della Musica…

https://eurovision.tv/participant/maneskin-2021

Immancabile, in apertura, l’omaggio al Maestro Franco Battiato, venuto a mancare proprio nella giornata del 18 maggio: riproposta la sua Alice all’Eurovision 1984.

Lo show si conferma un turbinio di emozioni: i ritmi veloci della trasmissione e una regia dinamica, ma mai frenetica, non annoiano e permettono di gustare le esibizioni, apprezzandone tutte le sfumature. In tre minuti si concentra il lavoro di ogni team. Un lavoro minuzioso e curato in ogni dettaglio.

Aspettando la finale, ecco i nomi di chi ha passato il primo turno e chi non ce l’ha fatta ⤵️

Qualificati

🇦🇿 Azerbaijan / Efendi – Mata Hari

🇧🇪 Belgium / Hooverphonic – The Wrong Place

🇨🇾 Cyprus / Elena Tsagrinou – El Diablo

🇮🇱 Israel / Eden Alene – Set Me Free

🇱🇹 Lithuania / The Roop – Discoteque

🇲🇹 Malta / Destiny – Je Me Casse

🇳🇴 Norway / TIX – Fallen Angel

🇷🇺 Russia / Manizha – Russian Woman

🇸🇪 Sweden / Tusse – Voices

🇺🇦 Ukraine / Go_A – Shum

Non Qualificati

🇦🇺 Australia / Montaigne – Technicolour (Live-on-Tape performance)
🇭🇷 Croatia / Albina – Tick-Tock

🇮🇪 Ireland / Lesley Roy – Maps

🇲🇰 North Macedonia / Vasil – Here I Stand

🇷🇴 Romania / ROXEN – Amnesia

🇸🇮 Slovenia / Ana Soklič – Amen

Fotografie/Immagini tratte dal web

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Viridiana Myriam Salerno, laureata in Giurisprudenza presso l'Università "Federico II" di Napoli, è Giornalista Professionista (iscritta all'ordine nazionale dei giornalisti, Ordine della Campania, dal 2009). E' anche Avvocato. E’ Direttore Responsabile della Rivista-Web “MediaVox Magazine”, da novembre 2015 I suoi scritti sono pubblicati in numerosi libri, editi da importanti Case editrici. Si occupa del coordinamento di Uffici-Stampa e dell’organizzazione di eventi culturali; ad esempio, è nello Staff organizzativo del Festival internazionale di Cinema “Italian Movie Award” dalla I Edizione. E’ stata accreditata a rilevanti eventi nazionali ed internazionali, come il Festival di Sanremo, il Taormina Film Fest e l'Ischia Film Festival (entrando nello Staff Stampa di quest'ultimo nel 2016).