Pier Cortese: ogni nota è un pezzo di Vita

Intervista al cantautore PIER CORTESE, sulla cresta dell'onda della Musica di qualità da vent'anni

Artista poliedrico e versatile, Pier Cortese, in venti anni, ha attraversato la scena musicale contemporanea in molti modi: dalla partecipazione al Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte nel 2007 con il brano “Non ho tempo“, alla composizione di colonne sonore, fino alla prolifica attività di autore che lo ha portato a collaborare con personaggi del calibro di Niccolò Fabi, Fabrizio Moro, Marco Mengoni, Simone Cristicchi e Mondo Marcio.

Dall’8 Giugno è disponibile “Te lo ricordi”, terzo singolo e videoclip di Pier Cortese, dopo i brani “Tu non mi manchi” e “E’ per te”; capitoli che anticipano il prossimo album del cantautore

L’INTERVISTA

Mi parli del singolo “Te lo ricordi”, un brano davvero particolare perché parla di un’automobile… L’automobile è un compagno di vita: dentro alla macchina succedono sempre delle cose. Dentro alla macchina si può pensare, è un luogo dove comunque si trova ispirazione oppure ci si sfoga per qualche motivo. I ricordi dentro ad una automobile sono legati ai viaggi con gli amici, al primo bacio davanti ad un’alba o ad un tramonto… ogni volta che una delle mie automobili mi ha “lasciato”, ho avuto la sensazione di perdere un pezzo di vita. Da questo punto di vista, ho voluto descrivere semplicemente l’importanza che ha il veicolo, non in quanto veicolo con un motore, ma in quanto luogo che diventa una specie di casa mobile piena di vita.

“Te lo ricordi”: è nato prima il testo oppure ptima la musica? In questo caso, le due cose sono nate insieme. Non ho una regola fissa quando compongo: a volte può succedere che nasca un’idea da cui trarre un ritmo musicale, a volte un’idea di testo. In questo caso, c’è stato un flusso molto naturale perchè avevo semplicemente voglia di raccontare il mio legame con l’automobile: la musica le parole si sono subito intrecciate.

Come nascono questi meravigliosi brani? C’è un orario in cui preferisce creare? Ad esempio, a tarda sera… Indubbiamente la sera, o ancor più la notte, è la parte più silenziosa in cui si raccolgono i pensieri; durante questi momenti è piu facile essere ispirati perchè non si è confusi dal rumore del mondo… Ovviamente, anche di giorno si può trovare la giusta ispirazione.

La parte finale di “E’ per te” è affidata ad una bambina: come mai questa scelta insolita?

Perchè, in realtà, il pezzo nasce dall’esigenza di consegnare un pò di memoria alla nuova generazione. È una specie di ammissione di fallimento da parte della mia generazione ma, al tempo stesso, c’è la volontà di trasmettere speranza. La speranza

nelle nuove generazioni e nella Musica che è l’unica alchimia che può unire mondi generazionali cosí diversi.

Lei ha collaborato con tanti nomi illustri della Musica italiana: un dare ed avere importante… Ogni contatto umano a me lascia qualcosa di importante, al di là che sia o meno un contatto con un personaggio famoso. Ogni rapporto di collaborazione, nel campo musicale forse ancora di più, è sempre un’esperienza di vita che ti migliora e che ti arricchisce. È davvero bello entrare a far parte di mondi musicali apparentementi diversi dai tuoi; attingere emozioni da altri cuori; imparare da altri modi di fare…


“Little Pierre” è il progetto per bambini a cui si è dedicato e che prevedeva un’app per tablet e per smartphone. Nel suo futuro ci sono in cantiere ulteriori progetti a favore dei bambini? “Little Pierre” mi ha salvato l’anima in questi anni di silenzio, mi ha letteralmente nutrito. Fare il cantautore per i bambini è stata per me una grande responsabilità che mi ha regalato soddisfazioni immense: l’importanza di consegnare dei messaggi ai bambini è sempre una sensazione molto forte perchè hai la consapevolezza che, in qualche modo, quello che scrivi potrebbe condizionare un pò il loro modo di pensare. È stata sicuramente un’esperienza che mi ha responsabilizzato; è un progetto che porto avanti ancora con tanto piacere e, appena posso, vado in giro a suonare nei teatri o nelle scuole… ho fatto due dischi ma l’intenzione è quella di continuare: ho notato che io e i bambini abbiamo una splendida affinità!

Il videoclip ufficiale di “Te lo ricordi👇 

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Impegnata nel mondo dell'associazionismo e del volontariato, (auto)ironica al punto giusto... ama viaggiare con la fantasia ed in moto (ogni tanto dovrebbe vietarsi di non vietarsi nulla) ed è tutto il contrario di tutto!!!