Smile forever

Intervista a Brunella Alberini (Brunella Smile Forever)

Dopo il difficile periodo di pandemia che abbiamo attraversato è più che normale sentirsi un po’ scarichi e, allora, l’imperativo diventa uno soltanto: cercare il benessere, in ogni sua forma.
Proprio partendo da questo concetto ha preso forma il progetto My life, realizzato da Brunella Alberini proprio durante il periodo di clausura forzata che ha messo tutti a dura prova: con il nome d’arte di Brunella Smile Forever, la presentatrice, originaria di Somma Vesuviana in provincia di Napoli, ha creato un luogo virtuale in cui poter parlare di benessere (ma non solo!) con professionisti e appassionati provenienti da tutta Italia e da varie zone del mondo.
Una bella soddisfazione per Brunella che ha visto, in questo progetto, la realizzazione di un sogno.
Abbiamo avuto il piacere di intervistarla e di entrare nel suo mondo.

Puoi raccontarci come è nato il progetto “My life”? Questo progetto è nato da una mia grande ammirazione per la Terra, approfonditasi durante il periodo della pandemia mondiale quando le aspirazioni lavorative sono state bloccate improvvisamente. E, mentre dai Tg si apprendevano notizie sconvolgenti, ho pensato di dedicare il mio tempo a ciò che mi faceva stare bene, coltivando pensieri positivi e ricchi di ottimismo, seminando piantine (in special modo quelle aromatiche che, essiccate, possono servire per insaporire cibi) che sono una risorsa per la nostra salute. Da qui la mia idea di realizzare il progetto: è nato come un seme che ho curato giorno per giorno osservandone i benefici e seguendone lo sviluppo. Per questo ho voluto far sì che potesse risultare anche un progetto educativo. Visti i benefici riscontrati in prima persona, ho cercato di proporlo anche attraverso il web utilizzando i social in modo intelligente: l’unica finestra di comunicazione con gli altri che mi permettesse di provare a portare anche un po’ di buon umore agli altri, attraverso simpatiche dirette pomeridiane.

Il tuo progetto ha come fulcro centrale la diffusione del benessere in tutte le sue sfumature di significato: cos’è per te, Brunella, il benessere? Per me il benessere è star bene sia fisicamente che moralmente: bisogna poter ritrovare equilibrio con corpo e mente. Spesso molte persone confondono il benessere con la disponibilità economica e le necessità materiali , quelle da soddisfare se si vive in una casa lussuosa , se si possiede un’auto di lusso oppure una villa. Ma queste cose non rendono felice l’anima: chi trova benessere nelle cose materiali spesso è infelice, insoddisfatto della propria vita. Benessere, per me, è avere rispetto per la propria persona ed imparare a volersi bene per stare in salute, avendo la responsabilità di riflettere su cosa ci danneggia e cosa ci fa bene. Bisogna domandarsi: visto che l’energia vitale, in certi giorni, è più bassa, cosa posso fare per migliorarla e per migliorarmi? Benessere è avere rispetto e cura del nostro corpo! Se stiamo bene riusciamo a comunicare meglio anche con gli altri e ad essere più felici.

Il nome d’arte con cui sei conosciuta dalla tua affezionata community è “Brunella Smile Forever” un nickname in cui, è proprio il caso di dirlo, il sorriso è al centro di tutto. Quanto è importante saper sorridere nella vita e come si può imparare a farlo? Proprio avendo ritrovato tanta serenità e portando gioia il mio nome si è trasformato in Brunella Smile Forever: “un sorriso per sempre” è quello che voglio rimanga impresso a tutti coloro che mi hanno conosciuto. Per me il sorriso è importante, è stato la mia medicina. Bisogna sorridere nell’arco della giornata come se fosse una terapia, una delle abitudini che tutti dovrebbero praticare sia per sé stessi che per chi li circonda: ha dei benefici sul nostro umore, sul cervello… anche sul sistema immunitario! E se proprio la vita non ci sorride, troviamo noi un modo per farlo, con un film o una barzelletta.
Oggi viviamo in una società triste e, forse, ciò è dovuto anche alla situazione che abbiamo vissuto. Certo, un sorriso non cambia la situazione ma alleggerisce anche tutto il contesto, nutrendo cervello con pensieri gioiosi. Per me è importantissimo il sorriso e, ormai, è diventata un’abitudine cercare di sorridere per ogni cosa: forse anche perché ho vissuto tantissime sofferenze, che mi hanno segnata (come i problemi di salute che ho dovuto affrontare sin da bambina e che mi hanno impedito di continuare gli studi). Tali condizioni mi hanno precluso la possibilità di esaudire molti dei miei sogni: solo a 28 anni, dopo la nascita della mia prima figlia, sono guarita e ho potuto riprendere tutti i miei progetti! Molto segnante è stata anche la morte di mio padre a cui ero legatissima: lui mi ha cresciuta come una principessa, senza farmi mancare niente e trasmettendomi tanti insegnamenti dal valore immenso: mi ha insegnato l’umiltà e l’importanza del restare me stessa, seguendo sani principi. Ho avuto molte esperienze che avrebbero dovuto farmi perdere il sorriso e, invece, grazie alla fede e alla gioia di vivere sono riuscita a mettere il mio dolore da parte… cercando sempre di portare quella stessa gioia nei cuori delle persone a cui voglio bene.

Grazie alle tue dirette hai avuto la possibilità di incontrare svariate personalità appartenenti ad ogni campo della cultura, dello sport e della musica: qual è stata la diretta più emozionante per te, per gli argomenti trattati con gli ospiti? Grazie al web ho avuto modo di conoscere molti volti appartenenti al mondo dello spettacolo e della televisione (attori, musicisti , registi, scrittori ,giornalisti, nutrizionisti,ecc.) ad ognuno ho dato uno spazio in una rubrica, portando messaggi e consigli su come migliorare naturalmente la nostra vita. Ma ho ospitato anche persone con tanti hobby e passioni che hanno voluto parlarne in diretta insieme a me: li ringrazio infinitamente tutti.

Una grande importanza, nel tuo progetto, ricopre anche il concetto della natura, del ritorno ad essa e di quanto sia importante riscoprirla in questo nostro presente tanto frenetico. Raccontaci di questo tuo amore per il mondo naturaleSicuramente, dapprima, è stata una passione ereditata da mio padre quando ero bambina: credo sia presente nel mio DNA! Poi, essendo cresciuta in campagna, lontano dalla città, ho vissuto con ammirazione l’arrivo delle stagioni. Per me era come l’arrivo di una festa sempre nuova perché significava veder prendere forma quello che si aveva seminato con tanto sacrificio: come accadeva durante il periodo della vendemmia, della raccolta delle noci e delle nocciole (che, puntualmente, significava vacanza per tutti ma non per me: prima il dovere!), della preparazione delle conserve per il periodo invernale. Ma anche dalle piccole cose come l’avere la possibilità di costruirsi una piccola casetta su un albero,correre a piedi scalzi nella terra fino rotolarsi… erano quelli i miei giochi da bambina. Ho dei bellissimi ricordi che avvolgono la mia infanzia e, anche da questo punto di vista, mi reputo fortunata: ho vissuto e vivo alle falde del Vesuvio, esattamente a Somma Vesuviana , una città le cui tradizioni, la cultura locale e l’artigianato, per noi cittadini, sono come dei valori da tramandare.

Nelle tue dirette trovano spazio anche dei temi sociali molto spinosi e importanti. Vuoi parlarcene? Di questo progetto fanno parte anche tematiche delicate e attuali come la violenza sulle donne, quella sugli animali (e l’abbandono), il diritto alla salute e quelli sul lavoro. Attraverso questo progetto ho avuto modo di imparare,io in primis, tante cose che avrei sempre voluto approfondire. Molti dei professionisti che ho incontrato per me sono stati dei veri maestri: mi hanno insegnato tantissimo, ognuno di loro mi ha regalato tanto entusiasmo e mi ha motivata, credendo sempre in me e nelle mie idee, invogliandomi a crescere. Anche se siamo fisicamente distanti, con molti dei miei ospiti si è creato un bel rapporto di affetto che ci ha permesso di diventare davvero uniti.

Parliamo adesso dell’arte che nel progetto “My life” tu promuovi come una fonte di benessere e, in un certo senso, terapeutica: secondo te quale è il grande potere dell’arte intesa in ogni sua forma? Al benessere ho associato la musica perché è una disciplina che ha aiutato molte persone a superare momenti critici, riuscendo a far esprimere loro le proprie emozioni. Poi ho aggiunto l’arte, proprio perché penso che anche l’arte debba essere sempre divulgata: in special modo qui, al Sud, dove secondo me non è molto apprezzata. Io amo tutto ciò che è arte perché mi trasmette creatività e perché riesce a mostrare cosa è in grado di fare una mente intelligente che si diverte con la propria fantasia. Inoltre aiuta i bambini a crescere meglio. A tal proposito, proprio attraverso i social, ho avuto modo di conoscere tante personalità artistiche che condividono i miei stessi interessi: nelle mie dirette, sul canale Facebook “Brunellasmileforever” ho ospitato artisti, pittori e scultori internazionali che hanno raccontato della propria carriera artistica, suggerendo anche come migliorare la vita attraverso l’Arte, usata in senso terapeutico.

Quali sono i traguardi più belli che hai raggiunto finora grazie al progetto “My life” e cosa dobbiamo aspettarci da esso in futuro?
Mi sembra davvero di aver realizzato un grandissimo sogno di mio padre che da piccola mi ha chiamato BRUNELLA perché si ispirò alla Presentatrice Brunella Bocci , una delle signorine buonasera degli anni 70. Oggi mi ritrovo a presentare un progetto che ho ideato, che ho visto crescere giorno per giorno, che mi ha dato l’opportunità di conoscere tanti talenti e che si sta ampliando in tutto il mondo, fino ad arrivare al Brasile. Sono moto ottimista e credo che un giorno, chissà, forse potrei diventare anch’ io una presentatrice televisiva e condurre una trasmissione a tema benessere in cui coinvolgere i tanti professionisti che ho conosciuto: intanto continuo a credere nei miei sogni, realizzandoli. Un altro sogno che mi sembra di aver realizzato è quello di mio padre, che mi chiamò Brunella ispirandosi ad una delle signorine Buonasera degli anni 70, Brunella Bocci: questo mi rende davvero felice, anche perché è a lui che dedico tutti i miei successi. Riguardo i miei progetti futuri, posso dirvi solo che sono tantissimi e… che non posso ancora svelare nulla, almeno per il momento!

Trovate Brunella su:
Facebook 👇
https://www.facebook.com/Brunellasmileforever-115242720175568
Youtube👇https://www.youtube.com/user/TheBrunellina

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Laureata in Letteratura italiana all' Università di Salerno, ha poi conseguito un master in Cinema e Televisione diretto dal produttore Nicola Giuliano presso il Suor Orsola Benincasa di Napoli: grazie a questa esperienza ha partecipato al Roma Fiction Festival 2016 con un progetto di serie inedito. Lettrice onnivora e famelica, nel tempo che avanza è sceneggiatrice e scrittrice. La sua passione più grande sono le belle Storie: le scrive, le legge, le guarda e le gioca.