L’Arte Ritrovata di Pantaleone Dentice, imprenditore irpino


Oggi si parla molto di patrimonio culturale di un popolo, il passato che si conserva per essere trasmesso ai figli e alle generazioni future. Dunque parliamo di un patrimonio culturale che rappresenta la nostra eredità, la memoria tangibile di ciò che l’uomo ha creato e trasmesso. E su questo pensiero vorrei soffermarmi ed aprire una parentesi di attenzione sui nostri beni culturali e valorizzare in tal senso l’opera di divulgazione che da anni Pantaleone Dentice, imprenditore irpino che amministra e guida un’azienda leader di servizi ambientali, con sede ad Arcella (Av), persona umile e di grande sensibilità, autore de “L’Arte Ritrovata”, porta alla nostra attenzione un’incredibile collezione di capolavori, influenzato dall’amore per la nostra incantevole terra. Si apre, quindi, per noi tutti, una finestra su significati spesso trascurati a riguardo dei nostri beni culturali, tanto che la passione di Pantaleone Dentice per l’arte, sta diventando contagiosa. L’intento di questo articolo è di far conoscere l’atteggiamento non commerciale di Pantaleone Dentice che attraverso una chiacchierata informale ho avuto modo di ascoltare la sua storia e le vicissitudini delle varie commissioni del suo lavoro, in cui si è trovato a svuotare soffitte, cantine, archivi, mobili, librerie per poi l’intenzione di far nascere un Museo. Ad oggi, sono tanti i documenti di valore inestimabile di cui si è preso cura, allestendo mostre ovunque, come ad esempio, le foto e i diari appartenenti all’Aviatore napoletano Guglielmo Sabelli, Ufficiale di Giustizia militare del Regio Esercito Italiano. Un costante impegno e una instancabile dedizione per il nostro imprenditore irpino, che giorno dopo giorno salva tante opere d’arte per poi pazientemente, catalogarle, analizzarle e rivalutarle, evitando che andasse al macero il contenuto molto esteso di una grande quantità di oggetti: dipinti, disegni, stampe, sculture, rilievi, marmi, bronzi, medaglie, orologi, ceramiche, libri, statue, manoscritti, quadri, documenti, in un’ottica di eco sostenibilità rispettosa della natura. Una iniziativa che sta suscitando molto interesse e che “Itinerando l’Irpinia” percorso di valorizzazione del territorio, attraverso un tour guidato, intende visitare, per dare modo a tanti appassionati di esplorare il mondo dell’arte attraverso opere di valore artistico incalcolabile e da un punto di vista diverso, partendo, soprattutto dalle emozioni.

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Presentatrice, editore, esperta di turismo sociale. Ha collaborato con l'Assessorato all'Istruzione e Spettacolo della provincia di Avellino nell'organizzazione e nella presentazione delle attività relative agli spettacoli di musica classica e valorizzazione dell'immagine dei gruppi e dell'Ente stesso. In questo stesso ambito, ha favorito la conoscenza e l'immagine dell'Irpinia fuori dai confini provinciali e regionali. Ha rivestito l'incarico di Presidente di associazioni culturali no profit le cui finalità sono state quelle di favorire le comunicazioni sociali e individuare occasioni di sviluppo culturale, formativo ed economico del territorio. Speaker radiofonica, è stata Direttore dei Programmi di una nota emittente radiofonica. È stata, inoltre, Direttore Editoriale del quindicinale "Irpinia Insieme".