“Premio SUD 20/40 per le Arti teatrali” a PEPPE BARRA

SUD 20/40 | Pontecagnano Faiano (SA) | Dicembre 2021/Dicembre 2022 |

Il musicista Peppe Cirillo dialogherà con il Maestro Peppe Barra
Ospiti musicali gli Antiqua Saxa

L’EVENTO

Lunedì 19 dicembre, alle ore 19:00, nel Comune di Pontecagnano Faiano (SA), presso il TEATRO SAN PAOLO, si terrà la consegna del Premio SUD 20/40 per le Arti teatrali 2022 a Peppe Barra

Attore, musicista, cantante, cabarettista: Peppe Barra è l’artista contemporaneo e completo che meglio incarna la tradizione di Napoli sulla scena internazionale.
Eclettico, travolgente e camaleontico, Barra è considerato cantore della moderna napoletanità e giullare della tradizione popolare; colui che porta sul palco storie immortali con l’innovazione della creatività.

A dialogare con Peppe Barra, ci sarà il talentuoso Peppe Cirillo.
Cirillo è il noto musicista cilentano che ha già festeggiato 40 anni di carriera: ha fatto la storia della musica etnica cilentana, ponendosi come antesignano nel suo genere, grazie ai suoi studi etnoantropologici e alla sua sensibilità artistica e personale che lo hanno proiettato in una dimensione nazionale ed internazionale di successo.

Come da consuetudine per SUD 20/40, lo scambio tra i due musicisti partirà da una parola simbolo che porterà alla personale visione di SUD dei protagonisti. E quale migliore parola se non “TRADIZIONE” poteva essere scelta per il percorso di emozioni che sapranno creare insieme Peppe Barra e Peppe Cirillo?

Ospiti musicali della serata gli Antiqua Saxa che coinvolgeranno i presenti a suon di musica popolare e folklorica di qualità. Si esibiranno, insieme a Peppe Cirillo: Paola Salurso (voce), Francesco Citera (fisarmonica), Antonio Brunetti (basso), Pietro Ciuccio (percussioni), Aristide Garofalo (chitarra).

Un evento organizzato in collaborazione con Consorzio Gruppo Eventi

Pagina Facebook https://www.facebook.com/SUD2040/
Profilo Instagram https://instagram.com/sud_20_40?igshid=YmMyMTA2M2Y=


Per info e prenotazioni

+39 338 853 7247


IL RACCONTO DI “SUD 20/40”

Le frasi già dette, i luoghi più comuni, le azioni mai compiute, le radici mai lasciate, gli sguardi più lunghi, i ritorni più sperati e le partenze più sofferte. SUD e la sua stessa identità sono confinati in concetti inflazionati e retorici. Sempre gli stessi. Da generazioni. L’immaginario collettivo, alimentato da decenni di pensieri univoci sull’argomento, non lascia scampo al concetto di SUD. E l’accezione è spesso negativa. I fatti, anche recenti, del resto, non incentivano a cogliere una diversa visione. L’ultimo Rapporto Svimez sottolinea ancora una volta che il Mezzogiorno si allontana dal Centro-Nord sotto il profilo occupazionale. Dall’inizio del nuovo secolo, circa 2 milioni di persone, la metà degli under 34, hanno lasciato il sud. Pertanto, sì, pur volendo lottare contro i luoghi comuni, la verità dei fatti è amara e inesorabile. “SUD 20/40” nasce dalla volontà dell’omonima Associazione culturale, che opera nel Territorio di Pontecagnano Faiano, di partire da una prospettiva diversa di visione del SUD, pur mantenendo i piedi saldi sulla verità della quale è circondata. È obiettivo dell’Associazione, attraverso questo contenitore, fornire spunti per immaginare una visione proiettata in avanti. Lo sguardo al futuro è, infatti, ancor più significativo, se non vitale, in luoghi e tempi complessi. In disarmonie e difficoltà. Dove il presente è suggestione di incognite, il pensiero ha il dovere di compiere uno sforzo verso un domani di finalità da raggiungere.
Alcuni dei protagonisti di Sud 20/40 sono stati Franco Arminio, Enzo Avitabile, Pino Aprile e Nicola Gratteri. Occasioni di approfondimento, dibattiti e storie che valgono la pena di essere raccontate e ascoltate. Il connettore dell’arte, in ogni sua forma, come colonna sonora di un percorso che ha la primaria necessità di lasciare un valore concreto.
Ogni singolo evento è stato e sarà arricchito da uomini e donne, protagonisti del nostro tempo, che abbiano contribuito a diffondere la cultura del “si può fare”, ma anche del “si deve fare”. Perché il bene collettivo, la dignità di ogni uomo, passa attraverso le azioni che ciascuno può e deve compiere.


Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

MediaVox Magazine - La Cultura da condividere. Rivista culturale on line, regolarmente registrata presso il Tribunale di Nocera Inferiore. Sito Web: www.mediavoxmagazine.it Pagina Fan-Facebook: https://www.facebook.com/mediavoxmagazine/