Il Leone d’Oro di Venezia all’Editore Pietro Graus

Si è tenuto venerdì 23 dicembre 2022 presso la bellissima Sala Mechelli del Consiglio della Regione Lazio la cerimonia di premiazione del Gran Premio Internazionale di Venezia.

Il Comitato del Leone d’Oro di Venezia ha assegnato all’editore Pietro Graus un riconoscimento particolare per meriti professionali. La Graus Edizioni nel prendere tre nomination è stata premiata come Migliore Azienda del 2022.
È un riconoscimento importante che giunge proprio alla fine di un anno intenso e proficuo per l’editore napoletano che peraltro con la casa editrice omonima, ha festeggiato vent’anni di attività; una carriera incredibile costruita passo dopo passo, nel tempo, libro dopo libro, con impegno e fervore immutati. Un anno fatto di nuove uscite, eventi culturali, presentazioni, premiazioni che hanno dato ampio risalto alla casa editrice nella promozione della cultura. Graus Edizioni da oltre vent’anni, sostiene progetti e collaborazioni di ampio respiro a livello nazionale ed internazionale che vanno nella direzione di un sempre più consapevole avvicinamento dei fruitori al mondo della lettura.
In questi venti anni ci dice Pietro Graus “ho avuto il privilegio ed anche la fortuna di incontrare un vastissimo pubblico che è stato sempre fonte di arricchimento e di confronto ; mi ha saputo guidare, con esperienza e saggezza, lungo un cammino non sempre agevole. Un cammino che ha avuto come naturale conseguenza l’apertura a sempre nuovi e più ambiziosi orizzonti; con tutti i “miei” autori, ho cercato sempre (e credo di esserci riuscito nella totalità delle volte) di instaurare un rapporto franco e diretto, orientato ad uno scambio interpersonale cordiale che si è sempre tradotto in amicizie sincere e durature. Non posso che essere soddisfatto dei risultati raggiunti in questi anni e il prestigiosissimo premio, che suggella si tanti anni di attività ma è anche la naturale conseguenza di un lavoro di squadra ben fatto e costruito nel tempo. Questo premio, rappresenta un nuovo inizio che ci spinge a fare sempre meglio nel nostro campo, in un tempo dove il profumo della carta stampata, assolutamente irresistibile è diventato quasi una rarità. Un profumo dall’aroma inebriante, che nessun libro digitale e nessuna tecnologia possono sostituire ,perché nel sollecitare tutti i sensi dalla vista al tatto all’olfatto, offre un ventaglio di stimoli di inesauribile bellezza .Gli inchiostri e gli altri materiali di rilegatura che appartengono solo al profumo dei libri appena stampati, che escono dalla tipografia, lasciano scie emotive inconfondibili. Questo ed altri mille motivi, mi spingono a non rinunciare ,dice Pietro Graus, ad essere sempre più competitivi ed innovativi sul mercato senza trascurare la tradizione, quella della mia famiglia e della nostra azienda; si tratta di una storia antica che l’abbiamo raccontata tante volte con il nostro lavoro e continueremo a farla con i nostri autori. La vera sfida per il futuro inizia da qui: nuove soddisfazioni, premi , riconoscimenti e conferme positive nella fedeltà lodevole al nostro lavoro, che ci è cresciuta dentro, auspicabilmente ci attendono…perché ,correndo tra le macchine da stampa, in quelle pagine stampate abbiamo scritto la nostra lunga storia d’amore che passa di generazione in generazione per assicurarci un futuro di passione e dedizione.

Foto tratte dai profili social di Pietro Graus

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Docente di materie letterarie alla secondaria di primo grado. A seguito di concorso ordinario ha conseguito abilitazione all'insegnamento per materie letterarie alla secondaria di primo e di secondo grado. Diversi master all'attivo di management, disturbi specifici dell'apprendimento, nuove tecnologie applicate alla didattica, una specializzazione sul sostegno. Ho svolto compiti di coordinamento in progetti contro il bullismo e il cyberbullismo e a favore legalità. Ha curato progetti di comunicazione legati al mondo scolastico, ricoprendo all'interno dello stesso importanti ruoli. Ha conseguito certificazioni B2 francese e C1 inglese, oltre al Cedils didattica per gli stranieri alla Ca Foscari di Venezia. Diverse le sue pubblicazioni: "Edufibes" con Gomez Paloma di Unisa, "Discipline letterarie" con Antonello Giannelli, "Mi voglio bene", "Il gioco dell'oca", "Commento ai commi della legge 107" e diversi libri di storia locale. È pedagogista iscritta all'albo Uniped.Campania