Orazio Flacco, problemi testuali nel Libro I dei Carmina di Pellegrino Caruso


Con lo scrittore e docente di materie letterarie prof.Pellegrino Caruso, autore del libro “Orazio Flacco Problemi testuali del I Libro dei Carmina”, Abe edizioni, si è conclusa la seconda edizione della Rassegna Avellino letteraria. Tra il pubblico presente in sala, numerosi cultori e appassionati di arte classica e tanti giovani a cui il prof. Caruso si è particolarmente rivolto nel suo intervento, rimarcando l’importanza della conoscenza della cultura classica per comprendere gli sviluppi evolutivi dell’umanità. Le Odi, tra amore e Poesia civile di Orazio, lo studio delle lingue classiche e soprattutto la grande valenza culturale ci hanno fatto riflettere sulle origini della società e delle culture, in una sorta di confronto tra culture e mutamenti culturali. Un libro che ha concluso il ricco calendario di appuntamenti di Avellino letteraria, rafforzando il racconto della memoria che possibilmente non dovrebbe essere perduta. Il testo portato all’attenzione è stato la chiave di interpretazione del presente in questo momento di crisi epocale. Il patrimonio culturale e la sua raffinata arte, unita alla ricchezza d’animo e di pensiero che il poeta latino Quinto Orazio Flacco e la sua opera rappresentano, ci ha trasmesso un messaggio universale Il Carpe Diem che sicuramente è uno degli aspetti più noti del suo pensiero, un invito a vivere il presente senza avere alcuna fiducia nel futuro. Una Kermesse “Avellino letteraria”, ricca ed inclusiva impreziosita dal patrocinio morale dell’Assessorato alla Cultura e Turismo della città di Avellino. I dodici appuntamenti letterari ci hanno lasciato tante sensazioni che solo la letteratura è in grado di smuovere, rendendoci più ricchi di sentimento e ragione. L’auspicio di queste presentazioni di libri e autori è stato quello di promuovere la lettura, quella magnifica attività che ci fa conoscere e comprendere, sognare e ragionare, commuovere e divertire. Gli Incontri molto seguiti che si sono svolti presso Villa Amendola, adibita a museo civico, sono stati un’ occasione per riflettere e sviluppare un interesse maggiore verso il territorio e la sua cultura che attraverso il pensiero e l’arte di Orazio, ci auguriamo possano essere di auspicio per raggiungere livelli culturali sempre più elevati.

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Presentatrice, editore, esperta di turismo sociale. Ha collaborato con l'Assessorato all'Istruzione e Spettacolo della provincia di Avellino nell'organizzazione e nella presentazione delle attività relative agli spettacoli di musica classica e valorizzazione dell'immagine dei gruppi e dell'Ente stesso. In questo stesso ambito, ha favorito la conoscenza e l'immagine dell'Irpinia fuori dai confini provinciali e regionali. Ha rivestito l'incarico di Presidente di associazioni culturali no profit le cui finalità sono state quelle di favorire le comunicazioni sociali e individuare occasioni di sviluppo culturale, formativo ed economico del territorio. Speaker radiofonica, è stata Direttore dei Programmi di una nota emittente radiofonica. È stata, inoltre, Direttore Editoriale del quindicinale "Irpinia Insieme".