#ESCita | Nemo consegna la vittoria dell’Eurovision 2024 alla Svizzera. Angelina Mango e l’Italia si devono accontentare del settimo posto


Il numero sette è un bel numero: simboleggia la completezza e la perfezione perché associato anche ai giorni della Creazione. Però, quest’anno, volevamo il primo posto. E ci abbiamo sperato. E ci abbiamo creduto.

All’Eurovision Song Contest 2024, settimo posto per Angelina Mango e per l’Italia. A trionfare la vicina Svizzera.

Abbiamo capito fin dai primi voti che Non succede, ma se succede… sarebbe diventato Non succede, che non succede… perché la canzone vincitrice continuava a macinare “12 punti” su “12 punti”. Nemo ha ribaltato anche la locuzione latina “nomen omen”, secondo la quale appunto il nome è un presagio, il destino è nel nome. Semplicemente, Nemo non è “nessuno” di nome e di fatto; la sua è una esibizione che convince anche il televoto.

Purtroppo, il televoto non altissimo per l’Italia è un messaggio da non sottovalutare: ad esempio, con Il Volo, prima, e con i Måneskin qualche anno dopo, l’Italia ha ottenuto un plebiscito nel mondo. Il Made in Italy de Il Volo e dei Måneskin è stato riconosciuto ovunque. Due tipi di Musica ed Artisti totalmente diversi tra di loro ma che hanno capito che cosa piace all’Estero.

Angelina, giovanissima e alle prime esperienze importanti, dalla sua ha talento, determinazione e sicurezza: il palco lo ha divorato, lo spettacolo lo ha assicurato, gli applausi dell’Arena meritati. Nessuno può rimproverarle niente. Nemmeno lei a sé stessa.

Ma per riportare l’Eurovision in Italia dobbiamo cercare nuovamente quella chiave che anche tanti cantanti straordinari come Mengoni, Mahmood o Emma non hanno ancora trovato.

Curiosità: solo con il secondo classificato, ha cantanto tutta, ma proprio tutta, l’Arena. All’unisono. Chapeau per Baby Lasagna! Hanno perso Stati dati per favoriti come la Francia con Slimane (che bravo!), oppure Israele con Eden Golan, oggetto di tante contestazioni per via del delicato momento storico che tutti stiamo vivendo. Del resto, diciamolo chiaro: un’atmosfera come quella della Malmö Arena non è facile da reggere per nessuno. L’Eurovision non è solo una gara canora. È un mix mediatico di messaggi e di simboli, di lotte e di affermazioni. Volenti o nolenti, c’è dentro tutto: gli effetti speciali, la moda, la politica, l’attualità, l’economia, talvolta anche la cronaca e, poi, la musica. I ritmi serrati della trasmissione dichiarano da subito che, nonostante tutto, “The Show must go on”. E lo spettacolo è già andato avanti. In Italia pensiamo al prossimo Sanremo. Che sia di Conti o meno, che sia di qualità!


La classifica finale dell’Eurovision Song Contest 2024:

1. Svizzera | Nemo – The Code
 

2. Croazia | Baby Lasagna – Rim Tim Tagi Dim 

3. Ucraina | Alyona Alyona & Jerry Heil – Teresa & Maria 

4. Francia | Slimane – Mon Amour 

5. Israele | Eden Golan – Hurricane

6. Irlanda | Bambie Thug – Doomsday Blue 

7. Italia | Angelina Mango – La Noia

8. Armenia | Ladaniva – Jako

9. Svezia | Marcus & Martinus – Unforgettable

10. Portogallo | iolanda – Grito

11. Grecia | Marina Satti – Zari

12. Germania | Isaak – Always On The Run

13. Lussemburgo | Tali – Fighter

14. Lituania | Silvester Belt – Luktelk

15. Cipro | Silia Kapsis – Liar

16. Lettonia | Dons – Hollow

17. Serbia | Teya Dora – Ramonda

18. Regno Unito | Olly Alexander – Dizzy

19. Finlandia | Windows95man – No Rules! 

20. Estonia | 5miinust x Puuluup – (nendest) narkootikumidest ei tea me (küll) midagi

21. Georgia | Nutsa Buzaladze – Firefighter

22. Spagna | Nebulossa – Zorra

23. Slovenia | Raiven – Veronika

24. Austria | Kaleen – We Will Rav 

25. Norvegia | Gåte – Ulveham



Viridiana Myriam Salerno, laureata in Giurisprudenza presso l'Università "Federico II" di Napoli, è Giornalista Professionista (iscritta all'Ordine nazionale dei giornalisti dal 2009). E' diventata Avvocato nel 2013. E’ Direttore Responsabile della Rivista culturale nazionale “MediaVox Magazine” dal 2015. I suoi scritti sono pubblicati in numerosi libri, editi da importanti Case editrici. Ha curato l'editing di molti volumi. Ha realizzato copertine e graphic-novel. È esperta di comunicazione e linguaggi multimediali. Si occupa del coordinamento di Uffici-Stampa e dell’organizzazione di eventi culturali (ad esempio, è nello Staff organizzativo del Festival internazionale di Cinema “Italian Movie Award” dalla prima Edizione). E’ accreditata a rilevanti eventi nazionali ed internazionali, come il Festival di Sanremo, il Taormina Film Fest e l'Ischia Film Festival (entrando nello Staff Stampa di quest'ultimo nel 2016). Dal 2021, è nello staff organizzativo del Premio Penisola Sorrentina. Dal 2022, collabora con il Consorzio Gruppo Eventi che, tra le tante attività, ha inventato e realizza "Casa Sanremo" e cura la produzione esecutiva de "I Nastri d'Argento". È segretaria dell'Assostampa Campania Valle del Sarno.