Tu scendi dalle stelle

Pagani si prepara alle feste Natalizie con i canti del suo celeste Patrono

Natale, festa del Bambino, festa della vita. S. Alfonso ha vissuto questo mistero con tutta la spontaneità e tenerezza del suo cuore, “napoletanissimo dalle midolla”.
Elevazioni e sentimenti, attinti integralmente dalla sua terra, dalla sua tradizione familiare, in seguito li ha trascritti nelle sue opere sul Natale, soprattutto nelle due celebri poesie: “Quanno nascette Ninno” e “Tu scendi dalle stelle”.
Alfonso però non è solo il santo missionario, il santo cantautore che ogni tanto improvvisa canzoncine spirituali, ma è artista, letterato vero, ed ha un posto di tutto rispetto nella cultura del ‘700, il secolo dell’Arcadia.
Il movimento arcadico, infatti, si presentava ricco di fervore creativo, ispirato al mondo semplice, bucolico, dei pastori, e spesso al mistero del Natale, di cui la poesia, e soprattutto il presepio, ne erano la più icastica rappresentazione. Presepi ne costruì con le sue stesse mani Carlo III di Borbone per la reggia; presepi classici sono usciti dalle botteghe di artisti come Somma, Bottiglieri, Cappelli e Sammartino; presepi più ingenui, alla buona, ma col cuore, si lasciavano ammirare nei vicoli, nelle case, nei bassi della gente semplice della Napoli del ‘700.
Nel 1758 Alfonso scrive la Novena del Santo Natale per invitare tutti a fare del proprio cuore un presepio, una capanna, un dove intimo per accogliervi il Bambino. E qui lo contempla venir giù dal cielo e posarsi su poco fieno: Tu scendi dalle stelle, o re del cielo, / e vieni in una grotta al freddo, al gelo: / o Bambino mio divino, io ti vedo qui tremar. / O Dio beato, / e quanto ti costò l’avermi amato!
Sì, perché l’amore vero non sopporta le distanze; Cristo non può limitarsi a contemplare le sofferenze dell’uomo, ma viene a sperimentarle e condividerle nella sua carne. Alla ricchezza di creatore del mondo, alla festa eterna nel seno del Padre, preferisce un’assoluta povertà fino alla mancanza di panni e fuoco, fino al dolore e al pianto.
Ma ecco, tra la terza e quarta strofa, la chiave del messaggio: Tu piangi non per duol, ma per amore / … Caro, non pianger più, ch’io t’amo, io t’amo. Il canto poi si chiude, secondo l’ascetica alfonsiana, con l’invocazione a Maria, l’ultima speranza per riordinare le cose: O Maria speranza mia, / s’io poco amo il tuo Gesù, / non ti sdegnare; / amalo tu per me s’io nol so amare.
Almeno a Natale tutti devono pregare, gioire, cantare, anche gli scugnizzi, i lazzari, gli eterni emarginati della storia, costretti a raccogliere le miche della tavola dei ricchi epuloni. E per questi il Santo scrive un poemetto natalizio in dialetto, in lingua napoletana, non per irriverenza o disimpegno letterario, ma per una squisita ricerca di comunicazione confidenziale: Quanno nascette Ninno a Bettalemme.
Dio che si fa uomo nella maternità di Maria abbaglia Alfonso e io colma di felicità, proprio come i pastori alla grotta: Restajeno ncantate e boccapierte / pe tanto tempo senza dì parola / …da dint ‘o core cacciajeno a migliara atte d’amore.

In preparazione al Santo Natale riviviamo i nobili sentimenti di sant’Alfonso.

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Docente di Discipline Giuridiche ed Economiche presso l’I.S.I.S. “G. Fortunato” di Angri , di cui è anche collaboratore-vicario. Laureata in Scienze Politiche presso l’Università degli Studi di Salerno con 110/110 con lode e licenziata in Teologia Dommatica summa cum laude presso la Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale – sez. San Tommaso, ha conseguito due Master in Studi storico-religiosi ( Ebraismo, Cristianesimo e Islam; Il Cristianesimo antico nel suo contesto storico) presso l’Università degli Studi di Napoli L’Orientale, il Master di II livello Management e Leadership delle Istituzioni Educative presso l’Università degli Studi di Bologna e il master Didattica e Psicopedagogia per i disturbi specifici di apprendimento presso l’Università degli Studi di Salerno. Ha pubblicato molti volumi. Sensibile e attiva nel dibattito socio-culturale sul territorio campano.