Arte, storia e tradizione nella scuola “Amendola” di Lavorate di Sarno

La preziosa Mostra presepiale che incanta tutti

inbound6863564277647016757

Tanta, troppa è, oggi, la spudorata voglia di consumismo, che, purtroppo attira tutti, giovani e non solo, in un mondo in cui l’insensato desiderio di apparire (male) ha deformato anche la visione che, un tempo, si aveva delle piccole cose, quelle che riscaldano il cuore per davvero: come prepararsi ad una festa, addobbare una casa, condividere doni. Per fortuna, però, esistono luoghi e persone, che ancora mantengono salde queste emozioni. C’è un posto, infatti, in cui amore e familiarità sono inseparabili, intramontabili e incantevoli: il Presepe.

inbound2226218973476585745
A chi non è mai capitato di immergersi, anche solo per una volta, nel meraviglioso paesaggio presepiale tipico del periodo natalizio: nel caldo animo dei pastori suonatori o nella candida pace di quelli dormienti, oppure nelle forti urla del venditore di pesce o del pane appena sfornato! L’affascinante e misteriosa sensazione trasmessa dal Presepe resta immobile, perfetta, come sospesa, nel nostro cuore, tra tutti i ricordi, per tutto l’anno, non solo a Natale.
Una tradizione, questa, resa unica e inimitabile nella sua grandiosità, che si arricchisce nel tempo sempre di più, grazie all’amore e alla dedizione degli alunni e dei Professori dell’I.C. “G. Amendola” sede di Lavorate di Sarno (SA), specialmente del Prof. Michele Lauri e della Prof.ssa Caterina Manzione, insieme ai Collaboratori scolastici e al Dirigente scolastico Prof.ssa Antonella Esposito.

inbound5850212565606667047
L’Istituto, che, da anni, vive con grande intensità questo particolare periodo dell’anno, attraverso la costruzione personalizzata e l’esposizione di innumerevoli splendidi e unici Presepi, pone al centro di tale attenzione gli studenti, nello sviluppo concreto e vero delle loro capacità da potenziare anno per anno; una rara azione di importante impegno, sociale e culturale, che si manifesta in tutta la sua bellezza, dal mese di novembre fino a quello di gennaio.
Di notevole importanza è stata la Premiazione conclusiva della Mostra presepiale 2020, svoltasi il 10 gennaio. Tante le figure istituzionali dell’Agro sarnese-nocerino che vi hanno partecipato, oltre alle Scuole del territorio, le quali hanno dato grande contributo, aderendo al programma previsto con loro creazioni personali. A impreziosire il tutto è stata, inoltre, l’eccellente partecipazione dell’Istituto Superiore “Striano-Terzigno”; in particolare gli studenti della sede dell’Istituto Alberghiero di Striano hanno brillantemente collaborato alla splendida resa della Manifestazione, sotto la guida dei loro professori, del Dirigente scolastico Prof. Rosario Cozzolino e della Vice-preside Prof.ssa Vincenza Scarano. Questo Istituto è, da sempre, in stretto rapporto di solida collaborazione e viva partecipazione con l’Istituto “Amendola” di Lavorate.

inbound1779866616324562779

A chiusura della splendida Manifestazione, un maestoso e squisito buffet ha ulteriormente reso grandiosa l’esposizione presepiale: esso è stato possibile soprattutto grazie al grande contributo di importantissimi marchi di pregiati salumi, pomodori e vari prodotti italiani, quali Fiorucci, Fumagalli, Paganoni e La Fiammante: una prelibatezza che ha sorpreso positivamente tutti gli ospiti, i quali, salutando la Scuola con un dolce e ricco ricordo della calorosa Premiazione presepiale 2020, hanno già pregustato, a grande richiesta, la prossima Manifestazione 2021!

inbound6119223642591599259

 

Condividi questo articolo...Print this page
Print
Email this to someone
email
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest
0

Melissa Chantal Salerno, laureata in Lettere Classiche all’Università “L’Orientale” di Napoli, è Dottore di ricerca in “Storia dell’Europa mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” all’Università degli Studi della Basilicata e Docente di ruolo di Lettere nella Scuola Secondaria. Da sempre impegnata nella ricerca scientifica, ha scritto diversi contributi e lavori di carattere letterario e -soprattutto negli ultimi anni- storico, in particolare relativi allo studio delle città nel Mezzogiorno d’Italia in età napoleonica e alla Rivoluzione costituzionale del 1820-21.